INFO MEDIA NEWS
NEWS Senza categoria

Scuola: a settembre in presenza ma con mascherina

Questo è il prossimo orizzonte scolastico che si delinea per gli studenti d'Italia. Passata l'estate, a settembre, con l'inizio del nuovo anno scolastico, si tornerà tra i banchi con la mascherina. "L'architrave del discorso scuola in sicurezza è la campagna vaccinale aperta ai più piccoli".

Si abbandonerà la didattica a distanza, adesso che l’Italia si appresta a colorarsi tutta di bianco, in previsione del prossimo anno scolastico, ma sarà comunque obbligatoria la mascherina in aula.

Questo è il nuovo assetto della scuola del domani, nel post misure rigide.

Secondo quanto si apprende dall’Ansa, di fatti, sarà necessario ancora utilizzare la mascherina insieme ad ulteriori misure per mitigare il rischio contagio. La notizia arriva direttamente dal generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario straordinario per l’emergenza Covid,. Quindi didattica in presenza sì, ma con qualche accorgimento in più anti-Covid.

Inoltre, sempre stando al programma futuro per il rientro tra i banchi di scuola, ci potrebbe essere già pronta nella tasca delle soluzioni anche l’ipotesi di vaccinare i bambini più piccoli.

“Ora abbiamo la possibilità di vaccinare i ragazzi dai 12 anni in su, quindi gran parte degli studenti – ha detto il Commissario – E non è detto che non arrivino ulteriori autorizzazioni per arrivare ai 6 anni. Quindi l’architrave del discorso scuola, per riaprirla in massima sicurezza in presenza, è quello della vaccinazione, ma continueremo anche con il tracciamento e il diradamento” .

Altre notizie che potrebbero interessarti

Gimbe: “No a stop mascherine al chiuso”

Parte lenta la quarta dose, solo a 29.000 over 80 e fragili. Speranza: "1,2 milioni di italiani con ...
Redazione IMN

Sisma L’Aquila, familiare vittime: “Rassicurati poi tragedia”

Centofanti: "Ci avevano detto che la terra più ballava e più buttava fuori energia, che non sarebbe ...
Redazione IMN

VIDEO. Parto indolore nei 3 Ospedali della Provincia aquilana: «Ad Avezzano, però, siamo sotto di 4 anestesisti»

Gioia Chiostri