INFO MEDIA NEWS
Servizi video VIDEO

Serie D: salta accordo Giulianova-Notaresco

Stop all'operazione, polemiche dalla società giuliese

Colpo di scena nella telenovela dello scambio di titoli sportivi tra Giulianova e San Nicolò Notaresco. Dopo l’accelerata nello scorso fine settimana, nella serata di ieri è arrivato lo stop definitivo all’operazione. Il Giulianova – tramite un comunicato – ha parlato di una serie di problematiche di natura contabile “non afferenti” alla società giuliese.

Il Notaresco, dopo l’addio di Salvatore Di Giovanni approdato all’Aquila, non ha ancora sciolto le riserve sulla partecipazione al prossimo campionato di Serie D. Il sindaco, e presidente della provincia di Teramo, Diego Di Bonaventura ha fatto appello alle forze economiche del territorio per salvare il sodalizio.

Il Giulianova resterà dunque in Eccellenza, torneo in cui partirà con i gradi di favorito insieme all’Aquila. Dal capoluogo, dopo l’arrivo di Di Giovanni, è arrivata la conferma dell’addio di Sergio Lo Re. Per la panchina si fa sempre più insistente il nome di Massimo Epifani, che seguirebbe Di Giovanni dopo i due anni al Notaresco.

In casa Avezzano, Alan Ballatore non è più il responsabile del settore giovanile. La conferma è arrivata in un comunicato a firma del dg Ventresca. Cambio della guardia arrivato dopo l’annuncio della collaborazione con il Delfino Pescara. La società ha già mosso i primi passi per la ricerca del sostituto.

Il Capistrello ha confermato il tecnico Gianluca Giordani anche per la prossima stagione. Paolo Giordani sarà il nuovo direttore sportivo al posto di Antonello Cellini.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Scontro Regione-Asl1, Giovagnorio: “Tempismo pretestuoso”

Ancora tensioni tra governo regionale e azienda sanitaria dopo il 'giallo' dei dati Covid
Redazione IMN

VIDEO. Avezzano, via alla lotta contro l’abbandono dei rifiuti: «La tutela parte dall’informazione»

Kristin Santucci

Pasqua, il messaggio dell’Ordine degli Infermieri: “Non vi arrendete”

Minacce a Speranza, Maria Luisa Ianni: "Non condividiamo la violenza"
Redazione IMN