INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS SLIDE TV

Università, Ministro: 14.740 posti per Medicina

Firmato il decreto che definisce i posti disponibili per l’accesso al corso di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia

Il Ministro dell’università e della ricerca, Maria Cristina Messa, ha firmato il decreto numero 1111 che definisce, in via provvisoria, i posti disponibili per l’accesso al corso di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia per l’anno accademico 2022/2023.

Il potenziale formativo inserito dalle università in banca dati è di 14.740 posti per i candidati dei paesi UE e non UE residenti in Italia, a fronte dei 14.020 dello scorso anno, e di 1.136 per i candidati dei Paesi non UE residenti all’estero.

Il decreto attribuisce i posti agli atenei in via provvisoria, in attesa della definizione dell’accordo che sarà assunto nell’ambito della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano.

Oltre al decreto per Medicina e Chirurgia, – informa una nota del ministero – sono stati pubblicati anche gli altri decreti ministeriali (n. 1115 e 1112) che definiscono i posti disponibili, sempre provvisori, per i corsi di laurea magistrale in Odontoiatria e protesi dentaria e Medicina Veterinaria. In merito al primo, il potenziale formativo espresso dalle università in banca dati è di 1.330 posti, mentre per il corso di laurea magistrale in medicina veterinaria i posti sono 1.040. Sempre in via provvisoria, con il decreto n. 1113, sono stati definiti i posti per i corsi di laurea delle professioni sanitarie.

In totale, per i candidati dei paesi UE e non UE residenti in Italia, sono 31.730 (per lo scorso anno accademico erano 30.180) così divisi: 1.097 per ostetricia, 264 per infermieristica pediatrica e 17.997 per infermieristica, 809 per educazione professionale, 157 per podologia, 2.622 per fisioterapia, 915 per logopedia, 309 per ortottica e assistenza oftalmologica, 407 per terapia della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva, 445 per tecnica della riabilitazione psichiatrica, 274 per terapia occupazionale, 1.212 per tecniche di laboratorio biomedico, 1.327 per tecniche di radiologia medica, per immagini e radioterapia, 185 per tecniche di neurofisiopatologia, 199 per tecniche ortopediche, 320 per tecniche audiprotesiche, 243 per tecniche di fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare, 825 per igiene dentale, 574 per dietistica, 95 per tecniche audiometriche, 602 per assistenza sanitaria e 852 per tecniche della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Edilizia sociale: sostegno economico per gli inquilini morosi incolpevoli

Redazione IMN

Droga nella Marsica: 32 persone a processo

Il punto di riferimento degli spacciatori era un attico di un palazzo signorile nel centro di ...
Redazione IMN

Insegnante del Liceo si propone per fare figli con minori

Lunedì appare sul suo profilo social un post che ha acceso l'allarme tra studenti, colleghi e ...
Redazione IMN