INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica PRIMA PAGINA SLIDE TV

Via libera a caccia di selezione cinghiali in Abruzzo

Assessore Imprudente: "Importanti novità per contrastare emergenza"

Una misura concreta per contrastare l’emergenza cinghiali in Abruzzo, la cui presenza massiccia continua a provocare gravi danni alle colture e seri pericoli agli automobilisti: la Giunta regionale, nella riunione di ieri, ha approvato il nuovo disciplinare per la caccia di selezione al cinghiale “fondamentale strumento per il contenimento della popolazione di cinghiale e per limitare le problematiche sul territorio regionale” che introduce le novità della caccia fino alle 24 con l’ausilio di luci artificiali e visori ad infrarossi e termici e la possibilità di utilizzo dell’arco al posto dell’arma da fuoco.

Lo comunica il vicepresidente della Giunta regionale con delega all’Agricoltura, Emanuele Imprudente.

“Nel nuovo disciplinare abbiamo inserito delle importanti novità – spiega Imprudente – cioè la possibilità del prolungamento dell’orario di prelievo dei cinghiali fino alle ore 24, il ricorso a strumenti per il miglioramento della visione notturna, ossia sorgenti luminose suppletive come visori ad infrarossi, visori termici, torce e fari e, per la prima volta in Abruzzo, l’utilizzo dell’arco, che risulta essere una tecnica a bassa invasività e un’alternativa valida laddove l’utilizzo di un’arma da fuoco può risultare inopportuno per via del disturbo”.

La caccia di selezione consente un riequilibrio della struttura delle popolazioni di cinghiale e contribuisce ad attenuare gli effetti negativi causati dall’elevata presenza: è attuata principalmente durante le stagioni più calde ed in aree agricole in cui le lavorazioni risultano in pericolo o già danneggiate dalle azioni di prelievo del cinghiale svolte durante le ore diurne.

“È molto importante per noi che l’ISPRA abbia dato il proprio parere positivo a tutte le nostre proposte – conclude Imprudente – consentendo nei fatti l’attivazione di modalità, certamente non risolutive del problema del sovrappopolamento dei cinghiali, ma che riteniamo maggiormente efficaci”.

Lo svolgimento del prelievo selettivo (caccia di selezione) del cinghiale è svolto dai cosiddetti selecacciatori (o selecontrollori) che abbiano conseguito la necessaria abilitazione, seguendo appositi percorsi formativi comprensivi di prove di sparo o di tiro differenziate.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Lettera di tre cittadini marsicani a Draghi sulle aree interne

Trattati nella lettera al premier i punti dell'alta capacità ferroviaria Pescara-Roma, ...
Redazione IMN

Rimpasto nella Giunta comunale di Avezzano

Il vicesindaco Di Berardino ha firmato il decreto con il quale ha proceduto a una revisione delle ...
Redazione IMN

Rondelli (Genovesi): “Ospedale nato già vecchio”

Avezzano: "Situazione va cambiata, 80 milioni per nuova struttura".
Redazione IMN