INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica PRIMA PAGINA SLIDE TV

Visita Paolucci e Marongiu alla sede TUA di Lanciano

"Gli impegni presi sono stati disattesi tutti: la Giunta regionale non programma e l’azienda resta ferma”

“Siamo tornati nella sede TUA Lanciano dopo sei mesi a verificare se gli impegni presi dalla Giunta Marsilio erano stati onorati. Tutto è come lo abbiamo trovato, il centrodestra sa fare solo promesse e non risolvere i problemi, a prescindere dalla gravità e dall’importanza del servizio a cui si riferiscono”, duro il commento del capogruppo Pd in Consiglio regionale, Silvio Paolucci che oggi è tornato nella sede frentana dell’agenzia di trasporto con il segretario provinciale del Pd, Leo Marongiu e il consigliere comunale di “Azione” , Giacinto Verna, insieme ai quali ha incontrato sindacati, rappresentanti dei lavoratori e dirigenti dell’azienda.

 

Da gennaio non abbiamo visto cambiamenti positivi – sottolineano gli esponenti politici – eppure l’azienda aveva preso impegni precisi stipando persino un budget di 430 mila euro come base economica per sostenere il ripristino dei locali interdetti da un’apertura lavori mai chiusa e annunciando concorsi a fine gennaio. Situazione che risente della mancanza di programmazione da parte della Regione sul fronte trasporti. Va segnalato che oggi la sede è sotto organico di 19 autisti, rimpiazzati in parte da 10 somministrati, ma 9 posti restano vacanti e sono stati esternalizzati 13 posti di lavoro ad aziende anche fuori Regione: una situazione gravissima, la peggiore fra tutte le sedi abruzzesi, tanto che nel mese di Gennaio 2022 portò alla soppressione di 69 corse per un totale di 2.830 chilometri persi, in una zona strategica della nostra regione, perché sede dei maggiori stabilimenti produttivi. Tali ritardi sarebbero dovuti a una rimodulazione del progetto, ci ha spiegato il Direttore generale di Tua, che ringraziamo per la sua disponibilità e chiarezza, ma bisogna fare presto per dare copertura con il Masterplan anche agli interventi aggiuntivi di cui abbiamo saputo l’esistenza solo oggi e a fare da motore a tali passi è la Regione, che invece è rimasta ferma. Chiediamo celerità, ma soprattutto trasparenza, perché è impensabile che ci siano disservizi e saltino corse in una delle zone a più alta densità produttiva che c’è in Abruzzo. Registriamo ancora una volta, l’ennesima, lentezza e superficialità, che dimostrano come la Giunta Marsilio sia distante e lontana dai problemi degli abruzzesi e incapace di programmare. Ci siamo lasciati con l’annuncio di una nuova visita, che faremo in autunno e anche per la divisione ferroviaria: con l’auspicio di non trovare moltiplicati i problemi del trasporto pubblico regionale, oltre che della sede lancianese”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Avezzano, 45enne fermato a bordo di una mountain-bike: trovato in possesso di cocaina

Redazione IMN

Celano: arriva la svolta in tritan per gli alunni

La Scuola Gabriele D’Annunzio della città celanese si dota di borracce in tritan, distribuite da ...
Redazione IMN

Vertenza Brioni al tavolo del Mise il 21 ottobre

Piano ristrutturazione prevede esubero di 321 addetti in Abruzzo
Redazione IMN