INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

Scoperto manufatto ‘900, varia progetto stazione L’Aquila

Riprogettato restayling piazzale promosso da Comune e Rfi

Cambia il piano di restyling del piazzale della stazione ferroviaria dell’Aquila, una fase per la quale si allungano i tempi per la ultimazione del piano di riqualificazione della intera zona: Comune e Rfi (Gruppo FS Italiane) stanno riprogettando gli spazi destinati al parcheggio e al terminal bus per valorizzare, isolandole, alcune opere di fondazione dell’ex magazzino merci, manufatto dei primi anni del ‘900, rinvenute durante i lavori, ampliando lo spazio pedonale e di attesa per gli utenti del terminal.

Lo comunica con una nota l’Amministrazione comunale dell’Aquila.

Il nuovo progetto è stato richiesto dalla Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio per le Province di L’Aquila e Teramo, che ha ritenuto opportuno salvaguardare le strutture di fondazione del manufatto. “A causa del rinvenimento ci sarà un leggero slittamento dei tempi ma comunque l’idea complessiva di riqualificazione va avanti e cambierà il volto di questa zona della città. Dopo il restyling della stazione e dei sottopassi sarà la volta dell’area antistante e laterale, sarà realizzata una rotatoria ed un’area di interscambio con annesso parcheggio – spiegano il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, e l’assessore alla Mobilità Carla Mannetti -. Il lavoro di squadra portato avanti con Rfi consentirà di restituire alla nostra città una stazione più funzionale e moderna”.

Nel novembre 2019 RFI e Comune dell’Aquila hanno sottoscritto un accordo per il riordino funzionale e la riqualificazione delle aree esterne alla stazione ferroviaria dell’Aquila, con l’obiettivo di migliorarne l’accessibilità attraverso il ridisegno del piazzale e favorire l’interscambio modale attraverso la realizzazione di un parcheggio auto e un terminal bus (al posto dell’attuale scalo merci).

Rfi e Comune dell’Aquila, convenendo sull’importanza del rinvenimento delle opere fondali del magazzino, che rappresentano di fatto il lascito dell’antico impianto di stazione distrutto a seguito del secondo conflitto mondiale, hanno deciso di rivedere il layout funzionale del terminal bus per salvaguardare il manufatto rinvenuto, la cui conservazione è incompatibile con il progetto in corso di realizzazione”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Coronavirus: 653 nuovi casi in Abruzzo

17 morti, 78 ricoverati in terapia intensiva
Redazione IMN

Domani la conferenza di presentazione del ‘Pullman dei parchi’ per la stagione invernale

Redazione IMN

Premio “Benedetto Croce”, i tre libri vincitori

Il 24 e 25 luglio si terrà a Pescasseroli la quindicesima edizione del Premio Nazionale di Cultura
Redazione IMN