INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

Scoperto manufatto ‘900, varia progetto stazione L’Aquila

Riprogettato restayling piazzale promosso da Comune e Rfi

Cambia il piano di restyling del piazzale della stazione ferroviaria dell’Aquila, una fase per la quale si allungano i tempi per la ultimazione del piano di riqualificazione della intera zona: Comune e Rfi (Gruppo FS Italiane) stanno riprogettando gli spazi destinati al parcheggio e al terminal bus per valorizzare, isolandole, alcune opere di fondazione dell’ex magazzino merci, manufatto dei primi anni del ‘900, rinvenute durante i lavori, ampliando lo spazio pedonale e di attesa per gli utenti del terminal.

Lo comunica con una nota l’Amministrazione comunale dell’Aquila.

Il nuovo progetto è stato richiesto dalla Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio per le Province di L’Aquila e Teramo, che ha ritenuto opportuno salvaguardare le strutture di fondazione del manufatto. “A causa del rinvenimento ci sarà un leggero slittamento dei tempi ma comunque l’idea complessiva di riqualificazione va avanti e cambierà il volto di questa zona della città. Dopo il restyling della stazione e dei sottopassi sarà la volta dell’area antistante e laterale, sarà realizzata una rotatoria ed un’area di interscambio con annesso parcheggio – spiegano il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, e l’assessore alla Mobilità Carla Mannetti -. Il lavoro di squadra portato avanti con Rfi consentirà di restituire alla nostra città una stazione più funzionale e moderna”.

Nel novembre 2019 RFI e Comune dell’Aquila hanno sottoscritto un accordo per il riordino funzionale e la riqualificazione delle aree esterne alla stazione ferroviaria dell’Aquila, con l’obiettivo di migliorarne l’accessibilità attraverso il ridisegno del piazzale e favorire l’interscambio modale attraverso la realizzazione di un parcheggio auto e un terminal bus (al posto dell’attuale scalo merci).

Rfi e Comune dell’Aquila, convenendo sull’importanza del rinvenimento delle opere fondali del magazzino, che rappresentano di fatto il lascito dell’antico impianto di stazione distrutto a seguito del secondo conflitto mondiale, hanno deciso di rivedere il layout funzionale del terminal bus per salvaguardare il manufatto rinvenuto, la cui conservazione è incompatibile con il progetto in corso di realizzazione”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Coronavirus: altri 5 casi in Abruzzo

Salgono a 29 i casi, 12 nella giornata di oggi
Redazione IMN

Meteo: Caronte è il re del Centro-Sud, sole e caldo per tutta la settimana

Gioia Chiostri

Oms: “Italia, c’è un barlume di speranza”

La portavoce Harris sui numeri italiani: "Minor numero di casi ma è ancora presto"
Redazione IMN