INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS SLIDE TV

8 marzo: “Catene Spezzate” incontra studenti

Nella parte pomeridiana della giornata a tema, verrà presentato il corso di difesa personale

Il team di “Catene spezzate” si presenta: il 7 marzo doppio incontro a Magliano dei Marsi per affrontare i volti più nascosti della violenza.

Per la ricorrenza della Giornata Internazionale della donna, che si celebra annualmente ogni 8 marzo, una nuova realtà marsicana si presenta ai giovani e alle donne del comprensorio. Il 7 mattina, incontro a scuola con gli studenti di terza media sul tema “Quando subisco violenza, come mi difendo?”.

Tutto parte da lì: da un percorso di educazione o di rieducazione alla luce buona della vita, a quel bagliore sano che alimenta l’autostima, la concretezza dei sentimenti, la sanità dell’affetto e non la fame d’amore. Cosa significa ‘Catene Spezzate’? “Catene Spezzate significa, innanzitutto, liberarsi dalle gabbie mentali, fisiche, economiche, psicologhe e di dipendenza che spesso otturano i nostri giorni e le nostre notti. ‘Catene Spezzate’ è un team di persone che hanno lottato, nel senso più vario ed esteso del termine, contro incubi reali, che a volte non volevano andare via, grazie alla cultura, allo studio, alla preparazione e all’indagine di sé. Vogliamo far capire che uscire dal buio è possibile, facendosi aiutare e aiutandosi a non sentirsi un ago in un pagliaio di dolori”.

Così dicono gli ideatori di ‘Catene Spezzate’: l’imprenditrice e istruttrice di fitness Cecilia Di Berardino, l’avvocato Federica Ghezzi e l’istruttore di Karate e del metodo globale di autodifesa, Sante Baldassarre. Un mese fa è nato il progetto, per ora di valenza territoriale, che mira a scardinare i luoghi comuni del sentirsi piccoli di fronte alle grandi domande di aiuto e di cambiamento. Modererà l’evento del 7 marzo di presentazione del progetto a Magliano dei Marsi la giornalista, Gioia Chiostri.

“Con ‘Catene Spezzate’ vogliamo portare un contributo vero e diretto ai ragazzi e alle ragazze per farli sentire in un ambiente protetto e di ascolto. Esistono le leggi, esistono gli sportelli dedicati, i numeri di emergenza, i cosiddetti ‘canali sicuri’, i centri di ascolto eppure il grido delle vittime è ancora soffocato. – dicono gli organizzatori – Partiremo da casi concreti per arrivare alla definizione di un quadro di riferimento, il più esaustivo possibile”.

Si partirà alle ore 8 in punto del mattino di martedì 7 marzo con incontri di sensibilizzazione con le classi terze dell’Istituto Comprensivo “G. Di Girolamo”. Verrà portata all’attenzione dei ragazzi la ‘storia vera’ di Mia, scritta da Antonio Ferrara: il racconto del femminicidio di Stella, compiuto da un ragazzo di appena 15 anni, finito in carcere. Un diario, il suo, di orrori, possesso e controllo, ma anche di tanta fragilità.

“Scuola e formazione, questa volta sulle ombre troppe volte nidificate della violenza – afferma il sindaco di Magliano dei Marsi, Pasqualino Di Cristofano, che ha deciso di patrocinare l’iniziativa di ‘Catene Spezzate’ – un binomio che, nel nostro Comune, trova sempre le porte aperte. È solo la prima iniziativa che faremo quest’anno sul tema della violenza di genere; siamo un territorio che condanna la vigliaccheria delle mani e delle parole violente e che cerca di allontanare dagli ambienti dei giovani il caos della paura e della prevaricazione. Abbiamo un Centro giovanile, ad esempio, che sta lavorando benissimo: i ragazzi e gli adolescenti appaiono oggi, purtroppo, spesso immersi in un limbo indefinito alimentato dall’abuso dei social e del web che premia l’apparenza. Noi proviamo a farli ‘uscire’ anche in questo modo. Il pomeriggio del 7 marzo, poi, l’invito a seguire il team di ‘Catene Spezzate’ è rivolto anche agli adulti, con le prove tecniche e la presentazione pratica del corso di autodifesa personale che avverrà all’interno dell’Auditorium dell’Istituto scolastico, a partire dalle ore 17”.

Dalle tante forme della violenza alla descrizione dei casi già recenti di stalking, mobbing e cyberbullismo: il tutto verrà affrontato con la presenza, in loco, di un sopporto psicologico qualificato. Per il quadro normativo di riferimento, verranno approfonditi la legge numero 77 del 2013 sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica, la Convenzione di Istanbul e il recente Codice Rosso. Nella parte pomeridiana della giornata a tema, verrà presentato il corso di difesa personale, a cura dell’istruttore Sante Baldassarre, aperto a possibili iscrizioni. Lo slogan è: le catene si possono spezzare. Sempre.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Arta Abruzzo, emissioni biogas monitorate con droni

Protocollo intesa al via nella discarica di Cerratina
Redazione IMN

Apre ambulatorio di Neurochirurgia a Castel di Sangro

La notizia resa ufficiale dal manager della Asl 1 e dal sindaco di Castel di Sangro. A partire da ...
Redazione IMN

Collegamento Pescara-Roma: Trenitalia e Regione

Corradi, amministratore delegato di Trenitalia: "Avere più velocità vuol dire avere anche più ...
Giulia Monaco