INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica PRIMA PAGINA SLIDE TV

Crisi idrica: ascoltate associazioni

Marcozzi: "Ascolto del territorio e delle criticità portate in aula da Associazioni e Comitati di cittadini"

Ascolto del territorio e delle criticità portate in aula da Associazioni e Comitati di cittadini. Questo è stato il tema centrale della seduta della Commissione d’inchiesta sull’emergenza idrica in Abruzzo. Così il presidente Sara Marcozzi: “Le problematiche raccolte sono in linea con quelle che mi hanno spinta a chiedere l’istituzione della Commissione d’inchiesta a tema acqua. Abbiamo ascoltato una delegazione di Adoc, Adiconsum e Federconsumatori, il Comitato Acqua Limpida, l’Associazione Acqua Nostra, il Forum H2O e l’Associazione SàFà. Molti gli argomenti trattati: interruzioni e razionamenti idrici (specialmente nella provincia di Chieti), mancata pubblicazione dei risultati delle analisi ARTA sulla qualità delle acque sui siti dei gestori, mancata indicazione in fattura della possibilità di avvalersi della prescrizione biennale, mancati riconoscimenti del bonus idrico e mancanza di un organismo di conciliazione delle controversie, carenza di acqua per uso agricolo, necessità di ottimizzare l’organizzazione territoriale delle società di gestione e volontà di preservare l’acqua pubblica. Preoccupazioni e iniziative condivisibili, di cui la Commissione continuerà a farsi carico anche nelle prossime settimane”. Prosegue Marcozzi: “All’audizione di Associazioni e Comitati, si è aggiunta quella della società ProEnergy che ha presentato il proprio approccio alla gestione delle reti idriche, fornendo spunti interessanti soprattutto per scovare utenze abusive o non fatturate. Un problema che abbiamo già denunciato nelle scorse sedute nel nostro territorio, soprattutto per quanto riguarda il Comune di Chieti che ha oltre 100 utenze pubbliche non censite”. “Ciò che è emerso è la volontà comune di lavorare sul sistema acqua pensando all’Abruzzo come a un territorio unico, facendo una sintesi comune. Dare uno sguardo di sistema, andando oltre alle divisioni territoriali, è la visione con cui stiamo lavorando in questi mesi. L’acqua è un bene unico e come tale dobbiamo pensarlo. La buona volontà che registriamo sia dai territori che dagli organi gestori a superare criticità deve farci guardare al futuro con ottimismo”. “Nella prossima seduta, l’ultima del 2022 – conclude Marcozzi – daremo spazio ai Sindaci dei quattro Capoluoghi di Provincia, che racconteranno ai Commissari le criticità dei loro territori e qualsiasi altro spunto vorranno fornire al lavoro che svolgeremo da qui ai prossimi mesi”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Elezioni, Marsilio: “Io candidato? Penso a secondo mandato Abruzzo”

Il governatore respinge l’ipotesi di una candidatura alle prossime politiche
Redazione IMN

Alienazioni Ater, Liris: “Iniziativa L’Aquila modello per Abruzzo”

Assessore regionale parla di un "modello da esportare anche nelle altre quattro aziende regionali ...
Redazione IMN

Liberati: “Mattei si scusi con le donne abruzzesi”

Il gruppo dei no green pass abruzzesi chiede le dimissioni di Bruno e un atto di resipiscenza del ...
Redazione IMN