Spazio Pubblicitario

INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS PRIMA PAGINA RASSEGNA STAMPA

A Trasacco rieletta la Consulta Giovanile: tra ieri e domani la Politica diventa un’arte da condividere

Proporre novità, modernità e cose nuove all’attuale Consiglio comunale di Trasacco. «La Consulta dei giovani è una realtà consolidata, che noi abbiamo voluto creato e fondato con la passata Amministrazione per dare uno stimolo e un veicolo di idee innovative in più al paese. Uno stimolo perché la Consulta, in primis, è un organo che permette di dare e ricevere consigli, ma è anche un veicolo di idee poiché è in grado di apportare concreti miglioramenti al vivere sociale di Trasacco». Queste sono state le parole del primo cittadino, Mario Quaglieri, espresse nella giornata di ieri, al momento del battesimo ufficiale della nuova Consulta giovanile del Comune: organo, questo, affacciato, come una finestra spalancata, sulle mete e sulle ambizioni delle giovani età.

«Faremo del nostro meglio, impegnandoci al massimo ed immergendoci in toto in questa esperienza nuova, attraverso i nostri talenti e le nostre possibilità». Queste, invece, a mo’ di eco, sono state, le primissime parole pronunciate, sempre nella giornata di ieri, da uno dei membri rappresentanti di quello che andrà ad essere, a tutti gli effetti, un altro consiglio comunale, o per meglio dire, una sua versione ufficiale ‘mini’, ma comunque di carattere consultivo. Parole ed emozioni predette poco prima dell’inizio effettivo dei lavori del Consiglio comunale senior.

Gli aderenti alla nuova Consulta giovanile, nata ieri, sono: Claudia Venditti, Alessandro Retico, Cesidio Di Salvatore, Giulia Cellini, Sara Oddi, Giovanni Carusi, Pierfrancesco Bellotta, Alessandra Ramputi, Paola Oddi e Chiara Ciofani Cambise. A loro è stato dato il benvenuto da parte di tutto il consiglio comunale di Trasacco. «Cercate – ha detto il sindaco – di consigliarci per il meglio, in modo da dare la vita a politiche territoriali che sappiano guardare allo sviluppo e al mantenimento della gioventù proprio a Trasacco. Il vostro è un impegno consultivo». Si tratta, a tutti gli effetti, quindi, di una reale rappresentanza in Comune della gioventù abitante nel paese marsicano, capace di rendere attivi ragazzi che hanno la volontà e il piacere di interessarsi della cosa pubblica. «Un paese – ha asserito, infine, il sindaco – che senza giovani non ha futuro. La nomina della consulta – ha detto poi – rappresenta il motore del paese stesso. La Consulta dei giovani viene effettuata tramite decreto sindacale». E come a chiusura e ad inizio, allo stesso tempo, di un medesimo percorso facoltoso, fatto di influenze positive sociali, è arrivato, nella giornata di ieri, anche il discorso del presidente della ‘vecchia’ Consulta giovanile di Trasacco, attiva nei 5 anni trascorsi. Luca Leone, per l’appunto, di ritorno proprio in questi giorni dalla Libia, dove ha operato per sette lunghi mesi, è stato in assoluto il primo presidente eletto della Consulta dei Giovani trsacanna. «Un consiglio che vi posso dare? – ha affermato durante la seduta – Siate una squadra: se riuscirete a lavorare assieme, le soddisfazioni arriveranno da sole. È l’unità del progetto comune, di fatti, l’asso nella manica; le belle esperienze verranno da sole poi». Un ‘in bocca al lupo’ sentito nel profondo del cuore, insomma, che ha saputo suggellare, nella fattispecie, il passaggio del testimone ai giovani di adesso, colti in flagranza da una arguta possibilità, quale quella di operare per il bene del loro paese di origine.

Verrà, quindi, di conseguenza eletto un presidente (si vocifera fin da ora che sarà una donna) ed un vicepresidente, che avranno in mano le redini della guida di un organo di fondamentale importanza per il senso della condivisione.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Ad Aielli incontro su opportunità PNRR per il territorio marsicano

Il futuro del territorio attraverso le risorse del piano
Redazione IMN

Aggressione a capotreno e poliziotti, arrestato cittadino gambiano

La pattuglia della Volante è intervenuta alla stazione ferroviaria di Sulmona
Redazione IMN

Covid-19, focolaio a Sulmona: 6 casi positivi

La Asl sta ricostruendo la rete dei contatti
Redazione IMN