INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS SLIDE TV

Abruzzo: troppe aggressioni e suicidi nella Polizia Penitenziaria

Lancia l'allarme la FP Cgil della Polizia Penitenziaria, per Abruzzo e Molise.

“Negli ultimi tempi, stiamo assistendo a situazioni davvero spiacevoli che, ancora una volta, colpiscono donne ed uomini della Polizia Penitenziaria”.

A lanciare l’allarme sono Paola Puglietelli, Antonio Amantini e Giuseppe Merola della FP CGIL Abruzzo Molise che esprimono seria preoccupazione per ciò che sta accadendo in alcune realtà penitenziarie del Paese. “Aggressioni fisiche e suicidi sono in forte crescita – continuano i sindacalisti – destabilizzando la serenità lavorativa e personale delle lavoratrici e dei lavoratori che, ogni giorno, espletano il proprio mandato istituzionale con abnegazione e spirito di dedizione, nonostante le precarietà che attanagliano maggior parte degli Istituti della Repubblica (carenze organiche, turni massacranti, stress da lavoro correlato, sovraffollamento popolazione detenuta)”.

“I poliziotti penitenziari meritano rispetto per il loro delicato lavoro – chiosano e concludono – e hanno diritto di operare in condizioni dignitose. Urgono risposte ed interventi concreti, con protocolli e punti di ascolto sui posti di lavoro, nonché una serie di attività perequative sia strutturali che di vacanze organiche. La FP CGIL continuerà a perorare questa causa in
tutte le sedi competenti ed opportune, auspicando che le Istituzioni facciano in fretta la loro parte, visto che la situazione sta destando allarme”, così concludono nella nota stampa diramata alla nostra redazione.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Elezioni amministrative, al voto di ottobre 1.157 Comuni

Verso il rinnovo dei volti amministrativi dei Comuni italiani, fra cui anche i marsicani e gli ...
Gioia Chiostri

Avezzano, lavoro nero in noto locale: indagini della GdF

Individuato locale che impiegava irregolarmente 73 lavoratori. Il lavoro nero è piaga per l’intero ...
Gioia Chiostri

VIDEO. Rincaro pedaggi, sit-in a L’Aquila, Biondi: «No a braccio di ferro tra Ministero e Concessionaria»

Kristin Santucci