Spazio Pubblicitario

INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS SLIDE TV

Acqua: Ruzzo reti, tariffe ridotte del 10%

Approvato bilancio di previsione 2022

L’assemblea dei soci della Ruzzo Reti ha approvato all’unanimità il bilancio previsionale 2022, il Piano industriale 2022/2024 e il report semestrale; dal piano economico 2022-24 si evidenziano risultati significativi e utili di esercizio in continuità con le annualità precedenti di circa un milione di euro per l’esercizio 2022.

Buone notizie per i cittadini serviti dalla Ruzzo Reti: l’aggiornamento tariffario in fase di elaborazione da parte dell’ERSI, sulla base della documentazione fornita dalla società e grazie anche alla gestione virtuosa dell’Azienda, dovrebbe portare ad una diminuzione tariffaria di circa il 10%.

Questo è stato possibile anche grazie al programma di riduzione dei costi operativi attuato dalla Ruzzo Reti che ha avuto un impatto significativo sulla gestione, compensando la crescita del costo dell’energia elettrica e delle materie prime dovuta alla crisi economica mondiale.

In particolare, i costi per servizi e consulenze sono diminuiti di circa 820 mila euro grazie ai risparmi conseguiti nelle spese di manutenzione ordinaria degli impianti, nelle consulenze e nei costi per l’analisi dell’acqua.

Continua anche l’attività di ottimizzazione dei costi del personale, che ha già portato, a fronte di una inalterata e soddisfacente qualità dei servizi (disponibilità della risorsa idrica e risultati di balneazione eccellenti), ad una diminuzione di oltre 500 mila euro negli ultimi anni. Per il 2022, nella stessa ottica di efficientamento, è prevista un’ulteriore riduzione, già in parte avviata, di ulteriori 700 mila euro.

Nel triennio 2022-2024 sono previsti investimenti per circa 95 milioni di euro (di cui quasi 22 milioni a carico della società acquedottistica teramana) finalizzati al potenziamento della rete idrica e all’efficientamento ed estensione degli impianti. Sono in programma, inoltre, investimenti costanti per le manutenzioni straordinarie o migliorie dei beni di proprietà.

Oltre agli investimenti in programma sono stati di recente finanziati due progetti strategici con i seguenti fondi:

– Fondo Abruzzo Progetto Bandiera / CIS Acqua Bene Comune che prevede l’ampliamento del potabilizzatore di Montorio al Vomano e della condotta adduttrice per l’approvvigionamento idrico sub ambito pescarese per un importo di 55 milioni di euro, di cui 50 mila finanziati;

Fondo PNRR-M2C4-I4.2 – Sub ambito Teramano per il progetto “Riduzione perdite delle reti di distribuzione dell’acqua, compresa la digitalizzazione e monitoraggio delle reti” per un importo di oltre 8,5 milioni di euro.

Nell’ambito della digitalizzazione e del rinnovamento aziendale portato avanti negli ultimi anni dalla Governance, la Ruzzo Reti ha avviato la sperimentazione del contatore elettronico in sei comuni della provincia di Teramo: Nereto, Corropoli, Notaresco, Castellalto, Morro d’Oro, Sant’Egidio. Si tratta di circa 16 mila misuratori digitali di ultima generazione che permettono di effettuare una lettura dei consumi precisa e puntuale e quindi di ripristinare il principio di equità tra tutti i cittadini. Questa è solo la prima parte di un progetto più ampio, per un investimento complessivo di circa 33 milioni di euro, che porterà alla graduale sostituzione di tutti i contatori dei 39 Comuni attualmente serviti.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Figliuolo: “Vaccinazioni in maniera uniforme in tutta Italia”

Sono oltre 4,2 milioni i vaccini che verranno complessivamente consegnati tra il 15 e il 22 di ...
Redazione IMN

Ultimo report Covid Italia: aumento dei casi diagnosticati

18 Regioni italiane sono classificate a rischio moderato. Solo tre presentato un rischio epidemico ...
Redazione IMN

Moda in lutto per la morte di Modenese

Promotore del made in Italy, lanciò Milano capitale del fashion
Redazione IMN