INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS SLIDE TV

Allerta valanghe: bollettino 25 e 26 gennaio

Si invitano le autorità locali di protezione civile a tenersi costantemente aggiornate

In attuazione delle disposizioni di cui alla Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 12 agosto 2019 recante “Indirizzi operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale e regionale e per la pianificazione di protezione civile territoriale nell’ambito del rischio valanghe” (Sezione generale alla G.U. del 02.10.2019),

Dalle 15:00 alle 24:00 di Mercoledì 25 gennaio 2023 prevista:
– criticità moderata/allerta arancione per rischio valanghe su Gran Sasso Est, Gran Sasso Ovest, Velino-Sirente, Parco Nazionale d’Abruzzo e Majella.

Dalle 00:00 alle 24:00 di Giovedì 26 gennaio 2023 prevista:
– criticità moderata/allerta arancione per rischio valanghe su Gran Sasso Est, Gran Sasso Ovest, Velino-Sirente, Parco Nazionale d’Abruzzo e Majella.

La presente dichiarazione si intende implicitamente revocata, decorso il periodo di validità sopra riportato. Si invitano le autorità locali di protezione civile a tenersi costantemente aggiornate, sui bollettini di pericolosità valanghe emessi dal servizio Meteomont dell’Arma dei Carabinieri e sulle informative emesse dal Centro Funzionale d’Abruzzo, e monitorare costantemente il proprio territorio al fine di essere pronti ad affrontare le criticità.

Si invitano i Comuni delle meteonivozone in cui è prevista criticità, a prestare particolare attenzione alle aree antropizzate interessate da innevamento

Altre notizie che potrebbero interessarti

Mafia nigeriana, Procura: “Non c’è integrazione senza regole”

Il procuratore capo dell'Aquila, sull'operazione contro la mafia nigeriana: "Organizzazione che ha ...
Redazione IMN

Green pass, interpellanza M5S: “Asl 2 non deve negare accesso ospedale”

Code e caos alla Asl Lanciano-Vasto-Chieti, Marcozzi e Taglieri: "Il diritto alla salute deve ...
Redazione IMN

Incendio a Cappadocia, Vigili del Fuoco all’opera con la Protezione Civile

Redazione IMN