INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica SLIDE TV

Assistente licenziata perché incinta, Verì chiama in causa la ASL

L'assessore abruzzese alla Salute Verì vuole vederci chiaro. "Ho già chiesto alla direzione di fornirmi una relazione puntuale sulla vicenda della lavoratrice della Marsica a cui non sarebbe stato rinnovato il contratto". I giudici hanno imposto la riassunzione della donna.

“Ho già chiesto alla direzione generale della Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila di fornirmi una relazione puntuale sulla vicenda della lavoratrice a cui non sarebbe stato rinnovato il contratto perché in gravidanza”.

Lo fa sapere l’assessore alla Salute e alle Pari Opportunità, Nicoletta Verì, dopo la sentenza della magistratura che ha imposto all’azienda sanitaria la riassunzione della lavoratrice.

“Attendiamo che la Asl ci chiarisca i dettagli dell’accaduto – continua l’assessore – che, se confermato nelle modalità emerse nelle ultime ore, rappresenterebbe un episodio da censurare con fermezza e sul quale proporremo l’adozione di ogni utile provvedimento disciplinare nei confronti dei responsabili”, questa la conclusione.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Case famiglia e strutture per anziani d’Abruzzo sotto scacco: blitz del Nas di Pescara

Redazione IMN

Incendio doloso nella notte a Pescara: sei inquilini e quattro Agenti di Polizia intossicati

Redazione IMN

Capitale cultura: per Pescina il sogno non finisce qui

Il sindaco Zauri lancia l'appello alla Regione Abruzzo e aggiunge: "Chiederò un incontro al ...
Redazione IMN