INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica SLIDE TV

Ballottaggi, Giuliante: “Deriva leninista di Forza Italia”

Gianfranco Giuliante, responsabile regionale Enti locali (Lega) interviene sulla crisi del centrodestra esplosa all'indomani dei risultati dei ballottaggi nei Comuni di Avezzano e Chieti

Tua, in utile primo bilancio a guida Giuliante

“È surreale, il principio di realtà non solo viene distorto ma denegato. Come sempre in politica c’è un prima e un dopo: il prima sottolinea, dopo gli inevitabili dibattiti sulle diverse candidature, la lealtà della Lega su ogni scelta di coalizione per le tornate elettorali di L’Aquila, Pescara, Teramo e in Regione ove la Lega ha appoggiato le diverse candidature di Forza Italia e di Fratelli d’Italia portandoli alla vittoria; il dopo è che le scelte della Lega, viceversa, sono state oggetto di ‘cecchinaggio’ e di fuoco amico e le elezioni di Avezzano e Chieti ne sono la dimostrazione”.

Così in una nota Gianfranco Giuliante, responsabile regionale Enti locali (Lega).

“Forza Italia che esplicitamente ha attuato tale operazione, oggi si lascia andare a dichiarazioni deliranti ove i fatti sopravanzano la menzogna: la Lega è il primo partito in tutte le città dove si è votato ed ha eletto sette consiglieri. Forza Italia è sparita e non ha eletto nessuno”, sottolinea.

Se l’onorevole leghista Luigi D’Eramo deve dimettersi per i risultati in Abruzzo, il senatore Nazario Pagano e la varia umanità che lo circonda, responsabile di quanto avvenuto, dovrebbe essere ‘almeno’ oggetto di ‘interdizione politica e non solo’ onde evitare altri spiacevoli inconvenienti. Va infine sottolineato il ‘sottile’ ricatto di Mauro Febbo in merito ai ‘numeri’ in Regione: ‘siamo in tre e potremmo mandare a casa Marsilio se provate a mettermi in discussione’, una minaccia più che palese di cui il teatino va fiero”, spiega.

“In caso di nuove elezioni, nessuno di Forza Italia verrebbe rieletto e,in tutta franchezza, stentiamo a credere al suicidio politico di massa per difendere Febbo e la sua strafottenza – conclude – Se il criterio è che quando si perde, il candidato è sbagliato, ci si chieda se Febbo abbia tratto tale convinzione dalla sua personale esperienza laddove è riuscito a perdere da uscente nelle elezioni provinciali di Chieti”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

“Adesivo di Mussolini” sul citofono della Cgil

"Non ci intimidisce l’azione. Non ci fa ridere. Ci preoccupa"
Redazione IMN

Ad Avezzano arrivano i nuovi parcometri

Saranno alimentati da pannelli solari con tecnologia di ultima generazione
Redazione IMN

In arrivo ondata di caldo più potente dell’Estate

Ultime ore di tregua grazie all'Anticiclone delle Azzorre
Redazione IMN