INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS Politica SLIDE TV

Bit: i cammini nei Parchi, la proposta dell’Abruzzo

D'Amario: "Fare squadra per aumentare l’attrattività del territorio”

I cammini religiosi che intersecano altri prodotti dell’offerta regionale: i parchi nazionali e le bellezze architettoniche e monumentali. Se n’è parlato nello stand Abruzzo alla Bit di Milano; il confronto ha dato l’occasione ai responsabili dei Parchi nazionali e delle due Sovrintendenze di L’Aquila Teramo e Chieti Pescara di ragionare in termini di squadra per uniformare l’offerta turistica.

“Il messaggio che ci arriva dai Parchi e dalle Sovrintendenze – ha detto l’assessore al Turismo Daniele D’Amario – è il segnale più convincente di un Abruzzo nuovo, pronto a mettere insieme le forze dirette verso una direzione comune. Il sentimento comune di fare squadra è l’unico in grado di far aumentare l’attrattività del territorio”.

Al convegno alla Bit sul valore dei cammini inseriti nell’offerta storica delle aree protette e nella ricchezza del patrimonio storico e architettonico hanno preso parte il presidente del Parco nazionale della Maiella, Lucio Zazzara, un rappresentante del Parco nazionale Abruzzo Lazio e Molise, Antonio Di Nunzio, le soprintendenti di Chieti Pescara, Rosaria Mencarelli, e di L’Aquila Teramo, Cristina Collettini.

Ad aprire i lavori della tavola rotonda è stato il senatore e vicepresidente della commissione Affari costituzionali, Nazario Pagano, che ha ricordato come “le montagne d’Abruzzo, con il loro patrimonio di biodiversità, contribuiscono in maniera fattiva ad accrescere l’eccellenza della regione”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Difensore Civico, Di Carlo: «Strumento prezioso per gli abruzzesi»

Redazione IMN

‘Per Celano’: “Stop accanimento terapeutico, si torni al voto”

Il gruppo consiliare: "Nostre dimissioni sul tavolo, la parte sana del consiglio comunale accolga ...
Redazione IMN

Magliano de’ Marsi ha vinto contro il Virus

Anche gli ultimi pazienti sono guariti: l’annuncio arriva dal sindaco Mariangela Amiconi.
Redazione IMN