INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS SLIDE TV

“Black Axe”: ricorso contro associazione mafiosa

Si resta in attesa della fissazione della udienza di discussione nel processo di secondo grado da parte della Corte di Appello penale di L'Aquila

È stato depositato, presso la Corte di appello penale di L’Aquila, l’atto di impugnazione avverso la sentenza emessa dal giudice per le indagini preliminari dell’Aquila a carico di uno degli imputati nigeriani condannato ad anni 12 e mesi 6 di reclusione a seguito di rito abbreviato, in favore del quale aveva optato nel giudizio di primo grado.

L’imputato, residente a Reggio Emilia, ma attualmente detenuto in regime di custodia cautelare presso la casa circondariale di Bari, è stato condannato per diversi reati, tra i quali spicca quello di maggiore gravità, ossia l’associazione di stampo mafioso ex art. 416 bis, c.p..

Il reato in questione, che prevede nell’ipotesi più grave sino ad un massimo edittale di 26 anni di reclusione, è stato contestato a tutti e sei gli imputati di nazionalità nigeriana coinvolti in questa annosa vicenda e che hanno scelto il rito alternativo. Ad oggi è ancora pendente il processo ordinario innanzi al Tribunale penale collegiale dell’Aquila per i restanti imputati che hanno, invece, ritenuto di essere giudicati con il rito ordinario.

La decisione appellata, che consta di 136 pagine di motivazioni, è stata emessa fuori termine in data 29 novembre 2022, a distanza di circa 6 mesi dall’udienza di discussione conclusiva del processo alla mafia nigeriana, cosiddetta “Black Axe”, che si tenne presso il Tribunale di L’Aquila il 16 maggio 2022 ed in occasione della quale venne letto il dispositivo di condanna.

Il lungo tempo trascorso e la corposità delle motivazioni della sentenza, comprova la evidente complessità del processo.
Lette le motivazioni, l’imputato, per il tramite dei suoi difensori di fiducia, l’avvocato Ludovici Carlotta del foro dell’Aquila e l’avvocato Gisella Mesoraca del foro di Reggio Emilia, ha deciso di proporre il gravame avverso la sentenza di primo grado, muovendo innanzitutto dalla contestazione dell’esistenza nel caso specifico dell’associazione a delinquere di stampo mafioso, anche per l’assenza di elementi univoci che possano condurre al riconoscimento della sussistenza di un tale tipo di sodalizio criminoso, ben più grave, anche e soprattutto in termini di entità della pena, rispetto alla semplice associazione a delinquere.

“La difesa, pel mezzo dell’atto di impugnazione, ha contestato punto per punto le motivazioni della sentenza nella parte in cui è stata riconosciuta dal Giudicante di prime cure la sussistenza dell’associazione mafiosa in capo a tutti gli imputati”.

Si resta in attesa della fissazione della udienza di discussione nel processo di secondo grado da parte della Corte di Appello penale dell’Aquila.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Live@Club: 20^ puntata con Lucia Tellone e Nicola Pomponi

𝙇𝙄𝙑𝙀@𝘾𝙇𝙐𝘽 in onda ogni giovedì sera su InfoMediaNews, in diretta a partire dalle ore 21. ...
Redazione IMN

Karate Doschi Abruzzo ancora sugli scudi: Alessia Novelli conferma il bronzo

Redazione IMN

Asl 1, i lavori programmati: a che punto sono?

11 gli interventi programmati per la rete ospedaliera della Provincia. Il manager della Asl 1 in ...
Redazione IMN