Spazio Pubblicitario

INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS SLIDE TV

Caso Appalti Tagliacozzo: assolto in appello l’architetto Tellone

Pochi minuti dopo le 15 la sentenza della Corte d'Appello. L'architetto di Tagliacozzo è stato assolto oggi con formula piena, perché il fatto non sussiste. I reati contestati erano concussione e tentata turbativa.

Condannato in primo grado, con il rito abbreviato.

Oggi, però, la pagina che si scrive, alla Corte d’Appello dell’Aquila, è di sapore opposto. E’ stato assolto, in secondo grado, con formula piena, perché il fatto non sussiste, l’architetto Carlo Tellone per i capi di imputazione di concussione e tentata turbativa.

Era stato arrestato – ai domiciliari – assieme all’ex sindaco di Tagliacozzo, Maurizio Di Marco Testa, che invece scontò anche qualche giorno di carcere. Tallone è difeso dall’avvocato del Foro di Avezzano, Antonio Milo. Il legale commenta: “Questa è una grande vittoria. Il mio assistito è stato assolto perché il fatto non sussiste, quindi con formula piena. Ho richiesto l’abbreviato, a differenza dei legali degli altri imputati, che invece stanno andando avanti con il rito ordinario”.

Il giudice, in primo grado, aveva disposto anche l’interdizione dai pubblici uffici e il divieto a trattare con la pubblica amministrazione per un anno e sei mesi. Venne assolto, sempre in primo grado, per altri quattro capi di imputazione.

Il caso degli appalti scoppiò nel lontano 2016. Un’inchiesta che portò all’arresto di quattro persone e a 12 persone indagate.

Le indagini vennero condotte dall’allora capitano della Compagnia dei Carabinieri di Tagliacozzo, Commandè.

Altre notizie che potrebbero interessarti

VIDEO. In Giunta ad Avezzano si approva la ‘rivoluzione’ della locazione delle antenne di telefonia mobile, intervista a Presutti

Redazione IMN

Pd Celano: “Preoccupa futuro clinica Immacolata”

"Auspicando una ripresa del confronto tra sindacati e azienda"
Redazione IMN

Covid in Italia: salgono i casi, 9 le vittime

Ieri segnalati 2.455 positivi. Il tasso di positività all'1,3%. In terapia intensiva, 153 pazienti ...
Redazione IMN