INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS SLIDE TV

Centro vaccini ad Avezzano: “Sostare nel parcheggio della scuola”

Secco stop all’orario libero per chi fa la terza dose di vaccino anti-Covid: ora si entra dalle 17 alle 19.

Stop alla sosta senza regole davanti al centro vaccini e all’orario libero per chi vuole effettuare la 3^ dose: per evitare qualche ingorgo davanti alla struttura e i piccoli “assembramenti” nell’ex scuola di via Fucino (che l’amministrazione comunale, sempre in prima linea nella battaglia anti-covid, ha messo a disposizione della Asl) il Comune ricorda ai cittadini di utilizzare il parcheggio interno dell’ex scuola con accesso da via Mazzarino, mentre l’azienda sanitaria locale ha stabilito i nuovi orari di ingresso dalle 17 alle 19 per coloro che si presentano senza prenotazione.

“Per evitare problemi – afferma l’assessore all’emergenza sanitaria, Maria Teresa Colizza, soddisfatta per l’incremento del numero dei cittadini che vuole completare il ciclo di vaccinazione con la terza dose – è necessario il rispetto delle regole per il parcheggio e degli orari di convocazione”. Da qualche giorno, infatti, il team degli operatori sanitari, guidato dalla dottoressa Daniela Franchi, è impegnato con tutti gli operatori a sostenere il netto incremento di prenotazioni legate alla terza dose del vaccino “Moderna” senza prenotazione (obbligo di tessera sanitaria).

Per gestire al meglio questa fase, al fine rendere il più possibile scorrevole i flussi, l’azienda sanitaria locale invita i cittadini a rispettare anche l’orario di prenotazione (evitando di presentarsi con eccessivo anticipo) e di prenotare tramite i canali ufficiali: piattaforma Poste e Call center Asl 800.169.326, oppure facendo la scansione del QR code.

Altre notizie che potrebbero interessarti

L’Aquila, si insedia il nuovo Capo della Squadra Mobile, Marco Mastrangelo

Redazione IMN

Pucetta domina e vince, De Roccis lancia il Celano

Successi marsicani nella prima di ritorno: in vetta allungo dell'Aquila
Redazione IMN

Coronavirus, le regioni chiedono di continuare a donare il sangue

"Ogni giorno ci sono oltre 1.800 pazienti che hanno bisogno di terapie trasfusionali"
Redazione IMN