INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS

Confcommercio Chieti, chiesto incontro con D’Alfonso per stato di calamità commerciale

Un incontro immediato, richiesto alla Regione Abruzzo con il presidente D’Alfonso per chiedere il riconoscimento dello stato di calamità commerciale per la città di Chieti e la sua provincia martoriata dal proliferare della grande distribuzione.

L’iniziativa porta la firma di Confcommercio Chieti, preoccupata per il raddoppio del centro commerciale Megalò. «Il progetto denominato Megalò 2 è ormai realtà – afferma Marisa Tiberio, presidente provinciale Confcommercio Chieti – dal momento che sono partiti i lavori di messa in sicurezza dell’alveo del fiume Pescara su cui insisterà questa ennesima mega struttura commerciale. Il Comune, normative alla mano, può davvero poco ed è arrivato il momento che la Regione scopra le carte e ci dica chiaramente di che morte dobbiamo morire noi commercianti. Si parla spesso, anche se a ragione, delle problematiche ambientali legate alla nascita di nuovi centri commerciali, ma si continua incredibilmente ad ignorare gli effetti negativi sul tessuto economico e sociale determinati sul territorio in cui si costruiscono queste strutture».

Secondo i dati dell’Ufficio Studi di Confcommercio, il rapporto tra superficie adibita alle vendite e numero di abitanti, nel quinquennio 2010/2014, è aumentato da 33 metri quadrati ogni 100 abitanti, nel 2010, a 49,5 nel 2014. Un incremento decisamente superiore rispetto alla media nazionale, passata da 35,3 a 37,2. Nel quinquennio 2010/2014, inoltre, su 41 nuovi punti vendita della grande distribuzione in Abruzzo, ben 29 strutture di questo tipo (circa 3 quarti) sono state aperte nella sola provincia di Chieti. Secondo il rapporto della Camera di commercio, aggiornato al 30 settembre 2016, nel terzo trimestre dell’anno si sono perse, in provincia di Chieti, 238 imprese specializzate nella vendita al dettaglio ed all’ingrosso per una percentuale negativa del 2,5% che sale addirittura al -2,6% per la sola Chieti città. «Il nostro territorio – conclude Tiberio – è vittima di un’evidente calamità commerciale senza precedenti che sta colpendo, da anni, il piccolo commercio giunto allo sfinimento. Vogliamo aiuti concreti perché, purtroppo, anche abbassare le saracinesche costa tanto».

 

Fonte AGI

Foto di www.cityrumors.it

 

Altre notizie che potrebbero interessarti

Abruzzo: la cultura vale 1,2 mld

Dati regionali del rapporto di Symbola e Unioncamere
Redazione IMN

25 aprile, Fina: “Da celebrare con l’antifascismo”

Lo scontro giudiziario: "Venni querelato da Casapound; oggi la sentenza di non luogo a procedere. ...
Redazione IMN

Ritrovata la 61enne scomparsa durante passeggiata in montagna

Ritrovata sana e salva al centro di Pratola Peligna la signora di 61 anni, che durante una ...
Redazione IMN