INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

Convegno su “PAC 23-27 e sovranità alimentare”

Confagricoltura L’Aquila, nell’ambito della tradizionale Assemblea dei Soci, organizza il convegno “La riforma della PAC 2023/2027 e la sovranità alimentare”

Confagricoltura L’Aquila, nell’ambito della tradizionale Assemblea dei Soci, organizza il convegno “La riforma della PAC 2023/2027 e la sovranità alimentare”, l’evento si terrà ad Avezzano il giorno 12 dicembre 2022 presso il Ristorante Napoleone alle ore 9:30.

Il Presidente di Confagricoltura L’Aquila Fabrizio Lobene nel salutare i numerosi ospiti presenterà il tema dell’incontro. Seguiranno gli interventi del Presidente nazionale di Confagricoltura Massimiliano Giansanti, il discorso del Vice Presidente e Assessore regionale Agricoltura Emanuele Imprudente che illustrerà le principali novità del nuovo PSR 23-27 della nostra Regione che entrerà in vigore il 1° gennaio 2023. Le conclusioni sono tenute dall’On Luigi D’Eramo Sottosegretario di Stato dell’agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste.

“Per Confagricoltura L’Aquila il concetto della sovranità alimentare non è nuovo e non significa sovranismo, cioè obbligare a vendere o a comprare solo prodotti italiani reintroducendo un’anacronistica e dannosa autarchia. E’ il diritto di tutti i cittadini ad avere cibo sufficiente, che non faccia male, di buona qualità, ad un prezzo accessibile a tutti, svincolato da costrizioni esterne legate a interessi di parte, privati e specifici che mettono in discussione la nostra dieta mediterranea” afferma Fabrizio Lobene Presidente di Confagricoltura L’Aquila “I nostro paese negli ultimi 20 anni ha perso capacità produttiva. Gli unici settori su cui siamo autosufficienti sono il vino, gli agrumi, la frutta, la carne avicola; siamo costretti a importare il 15/20% di latte, il 35% di grano duro, il 25% di orzo, il 40% di carni suine e salumi, il 50% di carne bovina, il 40% di mais, dal 30 al 60% di olio d’oliva e 60% di frumento tenero”. Continua Lobene “I dati ci confermano che nell’agroalimentare l’Italia è un grandissimo paese manifatturiero ma dipende in larga parte da produzioni primarie estere. La percentuale di auto approvvigionamento negli ultimi 5 anni si è ridotta dall’83% al 78%. Chiediamo al Governo di riequilibrare questo andamento attraverso riforme strutturali. I soldi della PAC sono determinanti per i bilanci delle aziende ma non sufficienti, bene il fondo per la sovranità alimentare appostato nella recente legge di bilancio, è il primo timido passo segno della consapevolezza dal Governo sul tema, ci aspettiamo, però, una maggiore considerazione intervenendo sulla ricerca, le infrastrutture, la logistica, le acque e gli invasi”. Conclude Lobene.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Fallimento Mercatone Uno, in Abruzzo chiudono 3 punti vendita

Redazione IMN

Chieti, finisce in coma dopo l’incontro di boxe

Redazione IMN

Nuovi ospedali, M5S: “Più presentazioni che atti ufficiali”

“Non si faccia propaganda sulla sanità pubblica e sui nuovi ospedali di Lanciano, Vasto e ...
Redazione IMN