Spazio Pubblicitario

INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

Covid, Molise: polemiche per stop attività Usca

Di Renzo (Snami): "Decisione incomprensibile, casi in aumento"

La chiusura in Molise, dallo scorso 1/o luglio, delle attività delle Unità speciali di continuità assistenziale (Usca) sta sollevando critiche da parte di medici, sindacati di categoria ed esponenti delle istituzioni locali.

“Si tratta – osserva su Facebook Federico Di Renzo, responsabile nazionale giovani, formazione e precari del Sindacato nazionale autonomo medici italiani (Snami) – di una notizia che tutti noi ci saremmo augurati fosse legata alla diminuzione dei casi e all’allentarsi della morsa del Covid-19.

Ebbene, la situazione attuale è esattamente opposta: stiamo assistendo, nelle ultime settimane e ancora di più negli ultimi giorni, a un aumento esponenziale dei contagi. Da maggio 2020 – prosegue – le Usca hanno gestito quotidianamente l’assistenza ai pazienti Covid positivi tramite colloqui telefonici quotidiani, visite domiciliari periodiche, terapie monoclonali e antivirali: un lavoro eccezionale che ha consentito di allentare il carico sugli ospedali nei periodi più bui della pandemia. La chiusura delle Usca lascia quindi la nostra regione in una situazione di sconcerto e incertezza, in primis per i pazienti, ancora troppo numerosi e destinati probabilmente ad aumentare, ma anche per i colleghi del ruolo unico di Assistenza primaria, i Pediatri di libera scelta (Pls), i medici del 118, che in questi mesi hanno collaborato con i medici delle Usca e hanno potuto contare sul supporto di squadre dedicate, attive 7 giorni su 7″. Dal 1/o luglio, dunque, “a meno di un augurabile ripensamento, la gestione dei pazienti positivi al Coronavirus ricadrà su Medici di medicina generale (Mmg), già oberati di lavoro e, inevitabilmente, sulla Continuità assistenziale (Ca), sul servizio di Emergenza territoriale e sugli ospedali, con un certo passo indietro rispetto all’inizio dell’emergenza.

    Chiediamo quindi urgentemente all’Azienda sanitaria regionale (Asrem) – conclude – di conoscere i percorsi pianificati per la gestione del paziente Covid-19 positivo sul territorio”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Ovidio 2017 nell’agenda del governo, Gerosolimo: «Evento traino per l’economia del Centro Abruzzo»

Redazione IMN

Lo fa cadere a terra e compie violenza sessuale

Le indagini sono state portate avanti dal Nucleo Operativo dei Carabinieri dell'Aquila. 29enne ...
Redazione IMN

Ritrovata donna smarrita nei boschi di Caramanico

Attivate anche unità cinofile in addestramento
Redazione IMN