INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS SLIDE TV

Della Cioppa nuovo prefetto Chieti

Tra priorità ascolto esigenze sindaci e verifica piani emergenza

Ha illustrato le linee principali della sua azione il nuovo prefetto di Chieti Mario Della Cioppa, questore di Roma fino a pochi giorni fa, 17 mesi di lavoro gomito a gomito con il prefetto Matteo Piantedosi poi nominato ministro dell’Interno.

Prima linea d’azione, ha spiegato in conferenza stampa, è un’aggiornata analisi delle aree da ritenere sensibili sotto il profilo della sicurezza, ciò finalizzato all’eventuale rimodulazione dei servizi di Polizia per rilanciare la presenza dello Stato sul territorio.

“Questo – ha detto – è uno dei miei primi obiettivi per alzare la percezione di sicurezza da parte dei cittadini. La mia prima interlocuzione sarà con il questore Francesco De Cicco, una diretta interlocuzione ci sarà con i comandanti provinciali di Carabinieri e Guardia di Finanza.

La prefettura fornirà la massima attenzione a quelle aree in sofferenza non solo sotto il profilo squisitamente di polizia. Sarà mia cura garantire massima collaborazione e supporto ai sindaci, che sono gli eroi del territorio”.

Seconda linea di azione, massima incisività nel contrasto al crimine con l’aggressione, ove ce n’è bisogno, ai patrimoni illecitamente ricavati o realizzati, “dando massimo impulso alle forze di polizia e non mancando di rapportarmi con l’autorità giudiziaria”.

Terzo punto, massima attenzione alle sollecitazioni che pervengono dalla cittadinanza, sia direttamente sia attraverso Comuni, organismi, associazioni di categoria: “È mio preciso intendimento proporre un’azione operativa all’altezza della situazione anche attraverso procedure di polizia di prossimità. Porterò il Comitato di ordine e sicurezza pubblica anche fuori dalla prefettura, soprattutto su Lanciano e Vasto dove saranno invitati i sindaci dei comprensori”.

E ancora, rilancio e verifica di tutti i piani di emergenza esistenti per “oliare” al meglio il meccanismo di intervento di tutte le componenti, anche stimolando esercitazioni. L’obiettivo è “realizzare un modello operativo efficace, immediatamente pronto in caso di necessità emergenziali”.

“Sarò un rompiscatole – ha concluso – ma a fin di bene, proprio nella funzione di prefetto rappresentante del governo della provincia”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Vandali in azione nella Riserva del Borsacchio: le Guide del Borsacchio si offrono per ripristinare i segnali divelti della pista ciclabile

Redazione IMN

Addio a Vincenzo La Cesa, grande protagonista della politica abruzzese

Scompare, nella tristezza generale, un grande uomo e un grande politico. In lutto il mondo della ...
Redazione IMN

Trasporti, Marsilio chiede potenziare investimenti

Il Governatore ha preso parte ai lavori della Commissione Politica di coesione territoriale e ...
Redazione IMN