INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica SLIDE TV

Dimensionamento scolastico, interviene Pietrucci

" Il Piano di Dimensionamento scolastico colpisce la formazione, le scuole e il futuro dei nostri ragazzi"

“Da troppo tempo nell’organizzazione dei servizi si è affermata una tendenza che sotto l’apparenza della razionalizzazione si dimostra sempre più dannosa e paradossale.

È la logica per cui certi servizi pubblici (una scuola, una farmacia, un ufficio postale, una linea di trasporto, ecc.) vengono garantiti solo se c’è convenienza economica: cioè se si “autofinanziano” con i contributi degli utenti. Altrimenti queste attività diventano diseconomiche e vengono prima ridotte e poi definitivamente eliminate.

Tutto questo avviene soprattutto nelle aree più fragili, nei paesi di montagna, nelle realtà dove già da tempo è in atto un lento, inesorabile spopolamento.

L’esito è drammatico: ci sono pochi abitanti = si tagliano i servizi = così si riducono ulteriormente gli abitanti = i servizi vengono eliminati = i paesi a un certo punto muoiono.

Questa logica ormai si applica anche ad altre realtà e per altri settori attraverso accorpamenti che ne riducono la diffusione e l’efficace funzione sul territorio: si pensi ai presìdi sanitari, ai tribunali, agli istituti scolastici.

Si tratta di cose che vanno oltre il funzionamento della Pubblica Amministrazione e riguardano la crescita culturale e formativa dei giovani, la tenuta sociale delle nostre comunità, la tutela di diritti fondamentali, il benessere, la salute, la dignità e la felicità delle persone. In una parola, il futuro dei nostri figli.

Questa lunga premessa, per dire che il Piano di Dimensionamento scolastico è parte di questo doloroso declino.

Il Decreto Milleproroghe approvato dal Governo Meloni aveva previsto che in Abruzzo si eliminassero undici Dirigenze scolastiche e dunque si accorpassero tra di loro gli Istituti coinvolti. Questo obiettivo, per il 2024, è stato ridotto a sette e tre di queste Dirigenze verranno soppresse nella provincia dell’Aquila.

Così viene sacrificato lo storico e centrale Istituto comprensivo Serafini Di Stefano di Sulmona, si decide l’accorpamento ad Avezzano dell’IIS Torlonia Bellisario con l’IIS Croce e l’accorpamento del Liceo artistico Bellisario con l’Istituto tecnico Galilei, mentre l’Alto Sangro perderà la dirigenza dell’Istituto alberghiero frequentato da studenti sangrini, peligni e marsicani.

Ci si può illudere che tagli e ridimensionamenti consentano qualche apparente risparmio.

In realtà sono scelte che pagheremo care e che in futuro ci costeranno molto di più di quanto si pensi adesso di risparmiare perché impoveriranno la nostra società e indeboliranno la struttura formativa.

L’Italia nel 2021 ha speso per l’istruzione il 4,1% del PIL a fronte della media europea del 4,9%.” Così il consigliere regionale Pierpaolo Pietrucci. 

 

Comunicato stampa

Altre notizie che potrebbero interessarti

Campobasso, il futuro dell’ospedale in Consiglio

Consiglio comunale a Campobasso riunito in seduta monotematica richiesta nei giorni scorsi dal ...
Redazione IMN

Lega giovani L’Aquila: i ragazzi al centro

Con Imprudente e Mannetti i giovani sempre protagonisti
Giulia Monaco

Fase 2, Università: sì ad esami e sedute di laurea in presenza

Svolgimento in presenza anche per le attività pratiche nel campo della ricerca e tirocini. Dovrà ...
Redazione IMN