INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS SLIDE TV

Festa Santi Martiri, il sindaco: “Fiducia ai giovani”

Santilli: "Sono sempre più convinto che quando una città ha servizi adeguati e funzionanti, si presenta bene a chi la visita e fa vivere meglio i cittadini che la abitano. Si poteva fare meglio? Ma le critiche non vanno indirizzate alla città, al suo nome e soprattutto ai giovani".

Terminati i festeggiamenti in onore dei Santi Martiri; “è giusto – dice il sindaco di Celano, Settimio Santilli – che si tirino le somme e dunque venga il momento dei ringraziamenti a quanti hanno fatto si che tutto andasse per il meglio. I fatti dicono che un gruppo di giovani con un’età media prossima ai 30 anni ha organizzato una festa dei Santi Martiri molto ben riuscita e partecipata. Hanno fatto una esperienza che conserveranno nel bagaglio della propria vita. Si sono impegnati, con responsabilità ed abnegazione, ci hanno messo la faccia per una causa a cui tutti teniamo indistintamente, i nostri Santi Martiri”. Il sindaco decida un lungo post social alle festività appena trascorse, con il concerto finale di Carl Brave, commentando le iniziative e rivolgendosi anche ai suoi concittadini.

“Ai giovani – aggiunge il primo cittadino – va data fiducia, sostegno, ed anche libertà di sbagliare rinfondendogli sempre coraggio ed una pacca sulla spalla. Al Presidente Ivan Iacutone e per lui a tutti i giovani componenti del comitato feste, GRAZIE. È stata una festa indubbiamente più giovanile con migliaia di ragazzi ad inebriarla di allegria”.

“Si sono divertiti a modo loro. E lo hanno saputo fare in modo diverso dalla nostra gioventù, in un viale, quello del Parco della Rimembranza che ci invidiano ovunque, perché chiuso al traffico e vissuto sempre più spesso dall’intera Marsica. In questo senso un doveroso ringraziamento va al corpo dei Carabinieri coordinati dal Luogotenente Maresciallo P.Finanza e agli agenti della Polizia Locale Marsica guidati dal Comandante L.Montanari per la gestione di buon senso”.

“C’è stata una città vissuta di notte ed una città che già dalle prime ore del mattino si presentava costantemente a tutti pulita e decorosa per merito di persone che sembrano invisibili alla collettività, ed invece si sono prodigate costantemente per dare una immagine bella di Celano, e dunque grazie a tutti gli operatori del settore manutenzione egregiamente coordinati da Arcangelo Celeste. C’è un lavoro enorme dietro le quinte per far andare bene le cose e queste persone meritano rispetto”.

L’associazionismo, le persone dedite all’altruismo rappresentano la linfa vitale e preziosa di una città viva e dinamica e vanno assolutamente tutelate, rispettate e protette.

“Abbiamo avuto per diverse settimane ristoranti, hotel e B&B pieni.
Le Gole sempre più attrattive, il rinnovato protocollo d’intesa con la Soprintendenza per un Castello Piccolomini sempre più fruibile e coinvolgente, hanno richiamato un elevato numero di turisti nella nostra città.
Nulla avviene per caso. Vuol dire che quello che di buono si sta seminando sta iniziando a dare i suoi frutti, ma ora bisogna continuare a percorrere questa via maestra della qualità dell’offerta, e in tal senso il confronto con i commercianti che mi auguro diventi costante e propositivo, ritengo sia fondamentale anche per le prossime festività natalizie. Il dialogo, la diversità di idee e di vedute, con la successiva migliore sintesi, fanno sempre crescere.

“Si poteva fare meglio? Sicuramente si, ma i panni sporchi vanno lavati dentro casa, le critiche vanno riversate e riservate al Sindaco, alla persona Settimio Santilli, ma non a Celano, non alla nostra città, non al suo nome, non ai suoi giovani. Di Celano si devono pubblicare immagini belle per sentirne parlar bene, se vogliamo continuare a crescere e a volare alto.
Lo sviluppo dipende da tutti e non da pochi eletti. Alziamo l’asticella tutti insieme. Celano deve saper guardare con visione a un futuro ancora più radioso, da affrontare con il coraggio di cambiamenti per la sua costante crescita culturale e mentale, di cui i giovani devono essere i principali protagonisti e gli adulti la loro sapiente guida coerente”, questa la conclusione.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Covid: in Abruzzo chiuse scuole superiori

Firmata ordinanza: Dad per 14 giorni. Esperti, scuola ha ruolo in aumento contagi
Redazione IMN

Ambasciatori d’Abruzzo 2018, Di Pangrazio: «Migrazioni, Marcinelle e il ricordo a Fabrizia Di Lorenzo»

Redazione IMN

“Più di un quarto d’Italia colpito da desertificazione”

Allarme Coldiretti Abruzzo: "Garantire produzione alimentare e accumulare acqua"
Redazione IMN