INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS SLIDE TV

GDF L’Aquila: sequestrati prodotti non sicuri

Esposti alla vendita in un negozio di Sulmona

I militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Sulmona, diretti dal Cap. Cecilia Tangredi, hanno
scoperto e sequestrato, in un negozio sito nel centro di Sulmona, oltre 45.000 prodotti tra i quali articoli di
bigiotteria e bricolage.
L’attività di servizio è finalizzata a contrastare l’illecita commercializzazione di prodotti non sicuri e
potenzialmente dannosi per la salute. In particolare, l’attenzione dei militari si è concentrata sulla verifica degli standard qualitativi e di affidabilità delle merci in vendita, fissati dalle prescrizioni normative di cui al d.lgs. 206/2005 – “Codice del Consumo”.
Le irregolarità riscontrate sono prevalentemente afferenti all’etichettatura della merce, che non recava le
indicazioni della presenza di materiali e/o sostanze potenzialmente nocive come cadmio, nichel e piombo,
nonché le indicazioni relative al luogo di produzione e alla denominazione degli articoli posti in vendita.
All’esito dei controlli eseguiti le Fiamme Gialle hanno segnalato il titolare dell’attività commerciale alla Camera di Commercio territorialmente competente. Per questo tipo di violazioni è prevista una sanzione amministrativa fino a 25.000 euro.
L’operazione svolta dalla Compagnia della Guardia di Finanza di Sulmona conferma l’elevato livello di
attenzione del Corpo nel contrastare la vendita di prodotti non conformi rispetto agli standard di sicurezza,
contribuendo così a tutelare i consumatori e a garantire che gli operatori economici onesti possano beneficiare di condizioni di concorrenza leale.

 

Comunicato stampa

Altre notizie che potrebbero interessarti

Poste Italiane: progetto per ritiro Napoli Calcio

Prodotti filatelici dedicati ai campioni
Redazione IMN

Confagricoltura L’Aquila, 2 seminari sul “lavoro vero”

Appuntamento in agenda presso la Sala Convegni del Ristorante Napoleone, ad Avezzano, il prossimo 7 ...
Gioia Chiostri

Scuole chiuse a Collelongo

In DAD anche gli alunni delle scuole medie di Trasacco. Ma questa volta non è colpa del ...
Redazione IMN