INFO MEDIA NEWS
NEWS SLIDE TV Sport

Giro, Ciccone deve rinunciare: “Mi si spezza il cuore”

L'abruzzese è ancora positivo al Covid, "partivo da casa"

L’abruzzese Giulio Ciccone non parteciperà al 106esimo Giro d’Italia che partirà sabato prossimo, 6 maggio, proprio dalla sua regione, l’Abruzzo.

La sua squadra, la Trek-Segafredo, lo ha reso noto informando che la decisione è stata presa oggi, di comune accordo, dal corridore e dal team, dopo aver preso atto della persistenza dei sintomi del covid-19, oltre che della continua positività dei test.

Rinunciare al Giro mi spezza il cuore. Non riesco a trovare altre parole per descrivere i miei sentimenti in questo momento”, fa sapere Ciccone.

“Avrei affrontato la mia gara preferita dopo il miglior inizio di stagione della mia carriera – ha proseguito il corridore -. Sarei partito da casa, dal mio Abruzzo; un evento storico, anzi unico. Era tutto perfetto e poi… voglio dire, sembra assurdo. Devo ingoiare un boccone amaro e il pensiero di cosa avrei potuto fare in questo Giro resterà nella mia mente a lungo. È una decisione difficile, ma devo accettare il fatto e guardare oltre. Appena tornerò a correre trasformerò questa delusione in determinazione”.

Ciccone era risultato positivo per la prima volta lunedì scorso, in un test effettuato all’indomani della Liegi-Bastogne-Liegi, conclusa al 13esimo posto e da allora vari disturbi gli hanno impedito di allenarsi.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Donazioni e trapianti, nel 2021 salgono di oltre il 10%

Mai così basse in Italia le opposizioni alla donazione degli organi delle vittime. Speranza: ...
Redazione IMN

Patenti speciali con visite ad Avezzano

Il capogruppo di Fd’I in Consiglio regionale: "Si eviteranno così viaggi e spese maggiori"
Redazione IMN

Investimento sulle strisce pedonali a Scurcola Marsicana

Il guidatore che ha causato l'investimento della donna ancora non è stato identificato e, quindi, ...
Redazione IMN