Spazio Pubblicitario

INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS

Il Cam verso l’accordo con l’Università dell’Aquila: arriverà un team di neoricercatori

Se vi fosse un modo, veloce e poco maccheronico, di estirpare le lungaggini temporali dello sviluppo della società e del benessere generale, quello sarebbe, senza dubbio, riconducibile alla bellezza eterea ed efficace della Ricerca. La ricerca è, infatti, ad oggi, un tasto sia dolente, per l’industria italiana – o almeno per una parte di essa, – sia estremamente affascinate. Il Cam, Consorzio Acquedottistico Marsicano, però, si è lasciato, per così dire, sedurre dal lato fascinoso del camice bianco dei laureandi dell’Università degli Studi di L’Aquila, menti procaci e golose di mettersi alla prova. A breve, infatti, una ciurma di studiosi approderà proprio laddove l’acqua diventa l’unica ragione di vita.

«Per il nostro laboratorio Analisi e Qualità delle Acque, a regime da almeno tre anni, – afferma l’amministratore delegato del Cam, Giuseppe Venturini – sta partendo una convenzione con il Dipartimento di Igiene dell’Università degli Studi di L’Aquila. Cam, infatti, ha deciso di dar seguito, nel corso del tempo, a tutta una serie di Investimenti che puntano a considerare l’acqua come un vero e proprio alimento». Per ora, l’unico responsabile del Laboratorio è il dottor Alberto Cipollone, ‘custode’ solitario di questo angolo in ebollizione del Cam. «Tutto ciò che vedete all’interno di queste stanze è stato già acquistato e pagato: si tratta di un investimento che il Consorzio ha fatto e che oggi vuole mettere a disposizione. Vogliamo tentare di fare un passo in più in avanti, prendendo conoscenze e savoir-faire dall’Ateneo, vera e propria fucina e fonte di idee nuove».

img_5746E’ in fase di redazione, quindi, la convenzione con il Dipartimento di Igiene dell’area universitaria di Medicina clinica, sanità pubblica, scienze della vita e dell’ambiente. Dall’altra parte della barricata, abbattuta dal protocollo, c’è la professoressa Leila Fabiani, che è la docente ordinaria di Igiene generale e applicata presso il Polo universitario aquilano, nella branca medica. «Abbiamo già avuto, recentemente – avverte ancora Venturini – una serie di incontri. Speriamo che ci vengano attribuiti dei ricercatori nel più breve tempo possibile, i quali verranno ad espletare le loro ricerche proprio qui: trasferiranno, cioè, il loro Know-How a noi», avverte.

«Qui, nel Laboratorio, – conclude poi l’Amministratore delegato – viaggiano anioni e cationi e v’è anche la possibilità di rilevare i metalli nell’acqua con estrema velocità: è evidente che ciò garantisce la qualità del prodotto che noi offriamo. Il biologo, che all’interno del Cam, è titolato ad oggi a svolgere le mansioni del laboratorio è da solo. Il passo che stiamo per fare rappresenta un surplus che altri gestori non hanno. Questo è uno dei settori sul quale noi vogliamo investire».

Altre notizie che potrebbero interessarti

7 contagiati a Collarmele

In paese si registrano ad oggi sette casi Covid.
Redazione IMN

Mente alla moglie ed esce, denunciato positivo

Aveva detto alla moglie di andare alla guardia medica perché non si sentiva tanto bene , ma è stato ...
Redazione IMN

Mostra pittorica in Piazza Risorgimento

Un’iniziativa che trasforma piazza Risorgimento in uno spazio dedicato alla cultura e soprattutto ...
Redazione IMN