INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica SLIDE TV

Il messaggio di Mattarella: “Vaccinarsi è un dovere”

Nell'ultimo giorno di questo disastroso e quasi surreale 2020, non si poteva che parlare della speranza dei vaccini contro il Covid. Il Capo dello Stato si rivolge agli italiani: "La pandemia ha ferito il nostro modo di vivere. Prima le categorie a rischio".

Arriva il Capo dello Stato nella Marsica

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha parlato dei vaccini. E non poteva essere, ovviamente, il contrario visto che l’anno 2020, quantomeno si è chiuso con la parola della speranza e il concetto di avere la giusta arma, in serbo per l’anno nuovo, il 2021, per rispondere a questa difficile battaglia.

Ieri sera, il capo dello Stato italiano si è rivolto, come per tradizione e consuetudine, a tutto il popolo italiano, nel suo messaggio in diretta di fine anno. ” Vaccinarsi – ha detto – è un dovere. Io lo farò appena posso, prima le categorie a rischio”. E poi ha aggiunto: “Sono giorni di angoscia e speranza. La pandemia mette a rischio le nostre esistenze e ferisce il nostro modo di vivere”.

“Tanto più – ha aggiunto – per chi opera a contatto malati e più fragili. La scienza ci offre l’arma più forte, prevalendo su ignoranza e pregiudizi. Io – ha continuato – mi vaccinerò appena possibile, dopo le categorie che, essendo a rischio maggiore, debbono avere la precedenza“.

Il presidente della Repubblica, ieri, ha parlato in piedi, in diretta dal giardino del Quirinale. “Ho avvertito – ha detto poi – la difficoltà di trovare le parole adatte per esprimere a ciascuno di voi un pensiero augurale. Sono giorni, questi, in cui convivono angoscia e speranza. La pandemia che stiamo affrontando mette a rischio le nostre esistenze, ferisce il nostro modo di vivere”.

“La pandemia – ha sottolineato – ha seminato un senso di smarrimento: pone in discussione prospettive di vita. Basti pensare alla previsione di un calo ulteriore delle nascite, spia dell’incertezza che il virus ha insinuato nella nostra comunità. E’ questa la realtà, che bisogna riconoscere e affrontare”.

“La fiducia di cui abbiamo bisogno si costruisce così: tenendo connesse le responsabilità delle istituzioni con i sentimenti delle persone”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Avezzano calcio, collaborazione con Malta Football Association

Redazione IMN

‘Le grotte palentine e la via del latte’: inaugurato il percorso, Di Micco: «Con la storia di Cese si dà una mano al turismo»

Redazione IMN

Giurisprudenza: per la nuova sede é quasi fatta