INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica SLIDE TV

“La Sanità teramana pagherà conto salatissimo”

L'affondo del consigliere del Pd Mariani: "Cattiva gestione di questo delicato settore da parte del Centrodestra regionale a guida Marsilio e Verì. Si prospetta un doloroso piano di risanamento dei conti che dovrà essere attuato sulla pelle degli abruzzesi”.

Comunicato Stampa

“Per l’ennesima volta la sanità teramana pagherà un conto salatissimo a causa della cattiva gestione di questo delicato settore da parte del centrodestra regionale a guida Marsilio e Verì”.

A dichiararlo è il Consigliere regionale del Partito Democratico Sandro Mariani dopo l’audizione tenutasi ieri pomeriggio in V Commissione da parte del Direttore Generale Maurizio Di Giosia e dei vertici della Asl di Teramo, “nel corso della quale – spiega Mariani – si è affrontata la spinosa questione dello stato dei conti delle quattro Asl abruzzesi in vista della predisposizione di un “doloroso” piano di risanamento dei conti che dovrà essere attuato sulla “pelle degli abruzzesi” a causa del disavanzo registrato nel 2023 dalla sanità regionale”. “Nonostante nel suo intervento il Direttore Di Giosia abbia rivendicato come la Asl di Teramo è quella che ha riportato il risultato migliore rispetto alle altre provincie, con un disavanzo che nel 2023 ha fatto segnare un meno 7.749.990,93 euro causato, a suo dire, da eventi straordinari che ha elencato – prosegue Mariani – ha comunque messo in luce come alcune situazioni sistemiche e strutturali porteranno, allo stato attuale, un disavanzo ben peggiore per il 2024 che si aggirerà attorno a meno 28 milioni di euro” dichiara Mariani. “Sentendo sciorinare i freddi numeri della sanità teramana e abruzzese purtroppo non posso che dedurre quindi che la nuova rete ospedaliera regionale, più volte sbandierata dal centrodestra, non sarà più attuabile in quanto economicamente non sostenibile visti certi conti in rosso”. “Al danno poi si unirà, con molta probabilità, anche una doppia beffa per i cittadini teramani”, continua il Consigliere Regionale del Partito Democratico.

“Ho infatti chiesto durante la V Commissione come intendano fare la Regione Abruzzo e la Asl di Teramo, con un simile stato di dissesto, a sostenere ancora la “promessa” di un mutuo per finanziare la realizzazione del nuovo ospedale “Mazzini” di Teramo! Ovviamente non ho ricevuto alcuna risposta! Panico assoluto poi quando ho chiesto come mai la Asl di Teramo, con una perdita d’esercizio pari ai suddetti 7.749.990,93 euro debba essere sottoposta a un piano di razionalizzazione come le altre aziende sanitarie regionali che hanno situazioni ben peggiori visto che la Asl 1 Avezzano, L’Aquila, Sulmona segna un meno 46.115.868,00 euro e la Asl 02 Lanciano, Vasto, Chieti registra un meno 41.951.118,00 euro! Sapete qual è stata la risposta al mio quesito? Ovviamente anche qui silenzio”. “Purtroppo sullo stato di salute dei conti della sanità abruzzese la confusione regna ancora sovrana e come sempre a rimetterci saranno i nostri cittadini che vedranno diminuire i servizi e si troveranno a dover fare i conti, loro sì, con una sanità sempre più lontana dagli standard delle altre regioni del centro Italia a causa di una cattiva gestione targata centrodestra in Abruzzo”, conclude Sandro Mariani.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Fiera dell’Epifania, Biondi: “Città si riappropria di un altro elemento identitario”

Il sindaco dell'Aquila: "È stata una grande gioia rivedere le nostre strade pacificamente invase da ...
Redazione IMN

Tribunali, Fina deposita ddl per evitare smantellamento

Un disegno di legge per confermare in modo strutturale e permanente i tribunali di Avezzano, ...
Redazione IMN

FI, De Angelis: “Nell’Aquilano risultato eccezionale”

Il commissario provinciale: "Un segnale forte e preciso da parte dei tanti elettori"
Redazione IMN