INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS SLIDE TV

Muore dopo 2 mesi dall’incidente: cambia accusa per conducente

Un pulmino dell'Anffas, con a bordo persone con disabilità, era finito fuori strada lo scorso 28 maggio. Un 47enne era finito in rianimazione.

Muore in ospedale dopo due mesi dall’incidente.

Si tratta di un 47enne di Ateleta, località in Provincia dell’Aquila ed era una delle quattro persone con disabilità che, lo scorso 28 marzo, stavano viaggiando a bordo del pulmino Anffas di Castel di Sangro che è uscito di strada sulla statale 83 Marsicana.

L’uomo è morto nell’ospedale San Salvatore dell’Aquila dove era ricoverato, in prognosi riservata, nel reparto di rianimazione, così come riportato dall’Ansa Abruzzo. Sulla vicenda, la Procura della repubblica di Sulmona aveva aperto un’inchiesta e nelle prossime ore procederà ad aggravare l’accusa per la conducente del pulmino, da lesioni a omicidio stradale.

Sarà disposta inoltre l’autopsia per chiarire se la morte sia dovuta o meno alle conseguenze del sinistro. Erano le 17 del 28 marzo quando la comitiva, dopo aver festeggiato nella sede di Castel di Sangro che l’associazione ha aperto da diversi anni, stava rientrando a casa con il pulmino.

Sulla strada statale 83 marsicana, tra Alfedena e Villa Scontrone, il pulmino è uscito di strada per poi ribaltarsi sul prato.

Immediati i soccorsi da parte degli automobilisti in transito. Uno dei feriti era stato estratto dalla lamiere dai vigili del fuoco, mentre in ambulanza tutti i feriti venivano trasportati in ospedale. A bordo del mezzo viaggiavano anche due operatori, la conducente compresa, che è stata indagata come atto dovuto.

Altre notizie che potrebbero interessarti

VIDEO. Avezzano Nuoto dopo i Regionali, Cellucci: “A Riccione con Anselmi per vincere”

Alice Pagliaroli

Conservatorio dell’Aquila inaugura murale di Ruzzi

Artista di Loreto Aprutino ha realizzato omaggio alle sette note
Redazione IMN

Videosorveglianza: approvati progetti nella Marsica

I progetti rispondono alla crescente domanda di sicurezza dei cittadini
Redazione IMN