INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS SLIDE TV

Nel 2023, 56 mila diagnosi di tumore alla mammella

Tumore al seno: enormi passi in avanti compiuti grazie alla ricerca e alla diffusione delle Breast Unit. Il Ministro alla Salute: "Il dato di sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi è dell’88%".

Giornata Nazionale del Tumore al Seno Metastatico

Si è tenuto nei giorni scorsi al Ministero della Salute l’evento “La rete delle Breast Unit – Un modello integrato per la prevenzione, la diagnosi, la cura e la riabilitazione” del tumore della mammella.

All’iniziativa, moderata da Maria Rosaria Campitiello, Capo della segreteria tecnica del Ministro, hanno partecipato il ministro della Salute Orazio Schillaci, la Commissaria europea per la salute e la sicurezza alimentare Stella Kyriakides, Alberto Costa, Special Adviser on Cancer Strategies della Commissaria Europea Kyryakides; Francesco Schittulli, Presidente LILT; Corrado Tinterri, Responsabile di Unità Operativa e Direttore della Breast Unit, IRCCS Humanitas; Oreste Buonomo, Senologo, Chirurgo generale, Professore Ordinario di Chirurgia Generale, Università degli Studi della Basilicata; Nicoletta Gandolfo, Direttore del Dipartimento di Diagnostica per immagini, ASL3 Genovese e della S.C. Radiologia, Ospedale Villa Scassi e Michelino De Laurentiis, Direttore del Dipartimento di Oncologia Senologica e Toraco-Polmonare, Istituto Nazionale Tumori IRCCS – “Fondazione G. Pascale” di Napoli.

Il ministro nel corso del suo discorso ha sottolineato gli enormi passi in avanti compiuti grazie alla ricerca e alla diffusione delle Breast Unit.

“Nel 2023 – ha detto Schillaci – in Italia sono state stimate circa 56 mila diagnosi di tumore alla mammella che rappresenta la neoplasia più frequente nelle donne e purtroppo la prima causa di morte nella fascia d’età tra i 35 e i 50 anni. Ci sono però, per fortuna, anche numeri positivi: il dato di sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi è dell’88% e sono più di 834mila le donne viventi in Italia dopo una diagnosi di cancro al seno. Senza dubbio questi sono traguardi possibili grazie agli enormi passi avanti compiuti dalla ricerca che hanno reso disponibili terapie sempre più innovative e personalizzate e alla diffusione delle Breast Unit che garantiscono diagnosi precoce, interventi chirurgici secondo i più elevati standard e soprattutto una presa in carico multidisciplinare che credo sia la risposta migliore per una malattia come il cancro al seno”.

Il ministro ha poi sottolineato come le Breast Unit siano “un modello di presa in carico che si è sviluppato proprio grazie all’impulso del Parlamento Europeo che a partire dalla fine degli anni 90 e soprattutto agli inizi degli anni duemila ha affermato il diritto delle donne affette da questa patologia ad essere curate in centri multidisciplinari e con precisi volumi di attività. E l’Italia si è adeguata alle indicazioni europee”. Schillaci è intervenuto anche sul tema della diffusione delle Breast Unit sul territorio nazionale ricordando il lavoro svolto con le Regioni “per rendere sempre più capillare la presenza dei centri di senologia sul territorio nazionale che al 2022, secondo i nostri dati, risultano essere 194. E a dispetto di un’opinione diffusa non sono tutti concentrati nel Nord, ma sono ormai diffusi su tutto il territorio nazionale”.

E sul valore delle Breast Unit la Commissaria UE Stella Kyriakides ha evidenziato: “In Italia ho visto un lavoro eccellente nel trattamento delle donne con tumore al seno in breast unit specializzate: questo per noi è un esempio che spero potremo condividere con altri stati membri.”

Altre notizie che potrebbero interessarti

Spaccio di sostanze stupefacenti: due donne finiscono in carcere

Redazione IMN

Cimitero Luco dei Marsi: fine dei lavori, riapertura martedì 5 maggio

Il lockdown non ha fermato i lavori dell'Amministrazione comunale, che sono ultimati e ...
Redazione IMN

Meteo, nuovo calo termico all’insegna del ciclone islandese

Redazione IMN