INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica SLIDE TV

Nuove deleghe ai consiglieri: reazioni politiche

Campitelli: "Uno dei primi dossier sul quale mi metterò subito al lavoro riguarda l’importante tema dei rifiuti". I consiglieri regionali di opposizione,  Erika Alessandrini e Francesco Taglieri, del Movimento 5 Stelle: "Marsilio tenta una forzatura amministrativa che non dovrebbe appartenere a un uomo delle istituzioni e che, inoltre, creerebbe un pericoloso precedente"

COMUNICATO STAMPA

 

“Non nascondo la mia soddisfazione e sono orgoglioso della piena fiducia che il presidente Marco Marsilio mi riconosce e lo ringrazio per la conferma,  in questa legislatura, delle medesime deleghe gestite nella precedente. Adesso si riprende il lungo e proficuo lavoro”.

 

Così Nicola Campitelli commenta la pubblicazione del decreto del Presidente della Giunta regionale sull’assegnazione delle deleghe in materia di rifiuti, urbanistica e territorio, demanio marittimo, energia e paesaggio.

 

“Uno dei primi dossier sul quale mi metterò subito al lavoro – afferma Campitelli – riguarda l’importante tema dei rifiuti. Già da lunedì mattina, insieme all’AGIR, programmerò una serie di incontri su ogni territorio provinciale per definire il piano d’ambito strategico per servizi e impiantistica per assicurare una ‘rivoluzione’ in termini di efficienza ed economicità di gestione, adeguando i contratti degli operatori. Anche sulla delicata tematica delle concessioni balneari – sottolinea – la Regione farà la sua parte come ha già dimostrato in questi anni, essendo stata l’unica a livello nazionale a difendere la categoria, l’unica arrivata fino al Consiglio di Stato per tutelarne le prerogative. Oggi, sfruttando uno scenario giurisprudenziale in continua evoluzione continueremo a fare il massimo per salvaguardare aziende, occupazione e famiglie”.

 

Sullo stesso tema intervengo i consiglieri regionali di opposizione,  Erika Alessandrini e Francesco Taglieri, del Movimento 5 Stelle. “Due mesi dopo l’election day la priorità del Presidente Marsilio è quella di tenere unita la sua maggioranza di centrodestra, perennemente spaccata dalla spartizione di poltrone e ulteriormente messa a dura prova da gelosie e litigi interni che ne stanno minando la stabilità – dichiarano – Dopo aver assistito ai battibecchi che hanno portato alla nomina dei Presidenti di Commissione e al giro di surroghe per entrare in Consiglio Regionale, gli abruzzesi devono ora subire l’affronto di una palese violazione dello Statuto regionale attraverso la quale il Presidente Marsilio, per tramite di un decreto da lui firmato, assegna a Nicola Campitelli, fresco di nomina di presidenza della terza commissione, le deleghe in materia di rifiuti, urbanistica e territorio, demanio marittimo, energia e paesaggio. Competenze e ruoli da assessore a lui che, però, assessore non è, essendo rimasto fuori dalla Giunta ed occupando la posizione di Consigliere regionale. Nella convinzione di poter agire indisturbato, Marsilio tenta una forzatura amministrativa che non dovrebbe appartenere a un uomo delle istituzioni e che, inoltre, creerebbe un pericoloso precedente: un consigliere non può essere al contempo assessore, anche in assenza di nomina formale. Marsilio, Campitelli e il centrodestra se ne facciano una ragione”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Droga e armi tra Lombardia e Abruzzo: 3 arresti

Blitz della Guardia di Finanza dell'Aquila
Redazione IMN

Arrestata per evasione e furto aggravato

Una donna ha approfittato di un permesso, ottenuto per la cura dei propri figli minori, per ...
Redazione IMN

Parco Nazionale d’Abruzzo: approvato il perimetro dell’Area Contigua

Redazione IMN