INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS SLIDE TV

Omicidio Pescara, la vittima uccisa con 25 coltellate

Presi i presunti responsabili, due minorenni, che fanno parte della "Pescara bene". All'origine dell'aggressione mortale, un debito di droga di poche centinaia di euro.

I presunti assassini, due minorenni, secondo quanto trapelato fino ad ora, sono uno il figlio di un avvocato, l’altro figlio di un maresciallo comandante di una stazione locale di un Comune della provincia di Pescara, come si legge sull’Ansa Abruzzo.

Dopo il delitto sarebbero andati a fare il bagno al mare. Lì, presumibilmente, si sarebbero disfatti del coltello utilizzato. Abbandonato tra le sterpaglie, il corpo del ragazzo è stato trovato solo in tarda serata.

I due, probabilmente, facevano parte di un gruppo di sette o otto persone.

La vittima, stando alle prime informazioni, sarebbe stata raggiunta da circa 25 coltellate. I due avrebbero continuato a colpirlo anche quando il giovane era già esanime a terra. All’origine dei fatti, un debito di droga di poche centinaia di euro: forse 200 o 250. Non è chiaro, al momento, se i due minorenni siano entrati in azione con l’intento di uccidere o se si sia trattato di una lite finita male.

A lanciare l’allarme sull’omicidio del 17enne Thomas Luciani, alcune ore dopo i fatti, secondo quanto appreso, è stato uno dei giovani che facevano parte del gruppo insieme ai due indagati, dopo aver compreso la gravità dell’accaduto. A quel punto, il rinvenimento del cadavere e l’avvio delle indagini, che in poche ore hanno consentito di individuare i presunti responsabili.

Determinante, nel lavoro certosino condotto dagli investigatori della squadra Mobile della Questura di Pescara, diretti dal vice capo Mauro Sablone, oltre alla testimonianza, anche la visione delle immagini delle telecamere di sorveglianza presenti al parco e allo stabilimento balneare.

“La drammatica vicenda, fin dalle prime battute – si legge in una nota della Questura di Pescara – ha evidenziato un incredibile disagio giovanile, una sorprendente carenza di empatia emotiva ed una palese incapacità di comprendere l’estremo disvalore delle azioni commesse. Questi atteggiamenti disfunzionali meritano ampio approfondimento, al pari della necessaria ricostruzione delle dinamiche e responsabilità. A tal fine sono dirette le attività investigative in corso, coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di L’Aquila”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Gasdotto, Pietrucci: “Ecco cosa dovrebbe sapere Quaglieri”

Pugno duro del consigliere di Minoranza: "Temo che i suoi puerili tentativi di risalire nel ...
Redazione IMN

Incendio nucleo industriale: arriva ordinanza di Passerotti

Porte e finestre chiuse, divieto di attività all'aperto
Redazione IMN

Testa su fondi Cipess: “Tassello importante”

È quanto si legge in una nota del deputato abruzzese di FdI e segretario della commissione Finanze ...
Redazione IMN