INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica SLIDE TV

Ospedale Avezzano, Piacente (PD): “Struttura esausta”

L'affondo del segretario provinciale dem alla Maggioranza di Governo: "Da tre anni il governo Marsilio è in carica e nessun atto di programmazione è stato licenziato".

Sono ancora chiare nella memoria di tutti le scene incredibili a cui abbiamo assistito durante la fase più acuta della pandemia. Reparti sconvolti, il tendone bucato del pre-triage, le buste di plastica ai piedi degli operatori sanitari: in queste condizioni l’ospedale di Avezzano ha attraversato la più grande emergenza della storia recente. E ancora oggi la situazione non è cambiata”.

Così scrive in una nota il Segretario provinciale del PD Francesco Piacente, che aggiunge: “Siamo di fronte ad una struttura ospedaliera esausta: gli operatori sanitari sono quotidianamente messi alla prova da una situazione delle risorse umane e degli spazi dedicati a servizi e degenze, assolutamente insufficienti. In tutti questi anni abbiamo visto il Presidente Marsilio, l’Assessore Verì e i Direttori generali che si sono avvicendati, impegnati nel diffondere notizie rassicuranti sul futuro della sanità territoriale, nel mentre si consumavano pesanti indebolimenti dei servizi sanitari. Ora è il turno degli annunci roboanti sull’edilizia sanitaria e la costruzione dei nuovi ospedali”.

“L’ennesimo annuncio dato in pasto all’opinione pubblica locale, frutto di una gestione propagandistica del tema sanità. Lo capiscono Marsilio e i suoi che realizzare un nuovo ospedale significa anzitutto rafforzare i servizi che in esso si prestano? Un nuovo ospedale significa una nuova struttura, più moderna, più sicura, sismicamente idonea: ma cosa ne faremo se nel frattempo saranno stati depotenziati i reparti e dissipate le professionalità. Questo è il tema vero, la vera emergenza che abbiamo davanti!”

“Da tre anni – aggiunge nella nota stampa Piacente – il governo Marsilio è in carica e nessun atto di programmazione è stato licenziato. Anzitutto manca una rete ospedaliera, mancano dunque una visione complessiva dell’offerta sanitaria pubblica e questo determina anche l’incertezza delle risorse per l’edilizia ospedaliera. Risorse statali che sono appunto vincolate all’approvazione del Piano di riordino della rete ospedaliera. E lo stesso vale per le risorse umane: dopo gli atti approvati dalla precedente giunta di centrosinistra nulla o quasi è stato implementato sugli organici, fatte salve le misure di emergenza. Ed è così che quasi tutti i primariati dell’ospedale di Avezzano restano vacanti e retti da facenti funzioni, determinando una decapitazione delle funzioni e della capacità di incidere sulle decisioni aziendali: può funzionare così un ospedale che garantisce il diritto alla salute ad un bacino di più di 130.000 abitanti? Per tutte queste ragioni sono, non solo fondate, ma urgenti e gravi le preoccupazioni di cittadini e operatori. Chiediamo alla Regione più fatti e meno propaganda, altrimenti il nuovo ospedale servirà solo a raccogliere reparti e professionalità reduci di una pressochètotale spoliazione, senza essere più in grado di garantire il diritto fondamentale e universale alla salute”, questa la conclusione.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Ecco il progetto del nuovo Ospedale dei Marsi

Pronto in sei anni. Un'opera da più di 118 milioni di euro, finanziata con fondi totalmente ...
Gioia Chiostri

Zona bianca, Foschi (Lega): “Risultato raggiunto grazie al lavoro sinergico”

"La zona bianca va considerata un nuovo inizio, la ripartenza vera e propria"
Redazione IMN

Giovane trovata senza vita nella sua abitazione

Si tratta di una 37enne aquilana. Si ipotizza gesto volontario della ragazza
Redazione IMN