INFO MEDIA NEWS
NEWS Sport

Paganica Rugby in campo coi colori del movimento LGBTQIA+

Con circolo Arcigay "Consoli" durante gara Serie A alle 15.30

In vista del 17 maggio, “Giornata internazionale contro l’omofobia, la lesbofobia, la bifobia e la transfobia”, il Paganica Rugby organizza oggi, in collaborazione con il circolo Arcigay “Massimo Consoli” dell’Aquila, un’iniziativa di sensibilizzazione durante la partita del Campionato di Serie A, prevista per le 15.30, della Prima squadra con quella dei Cavalieri Union Rugby Prato che con entusiasmo hanno aderito all’iniziativa.

Giocatori e staff indosseranno, durante l’entrata in campo e lo schieramento pre-partita, una maglietta con i colori del movimento LGBTQIA+ ed esporranno uno striscione.
Parteciperanno, oltre alle due squadre e ai loro staff, il circolo Arcigay “Massimo Consoli” L’Aquila e la squadra Libera Rugby Club di Roma, associazione sportiva che promuove la diffusione del gioco del rugby nella comunità LGBTQIA+.

 

La data del 17 maggio ricorda il giorno in cui, nel 1990, l’Oms ha cancellato l’omosessualità dall’elenco delle malattie mentali, definendola per la prima volta “una variante naturale del comportamento umano”.

Questa giornata viene celebrata in oltre 130 Paesi, con l’obiettivo di promuovere eventi internazionali di sensibilizzazione.
“L’Unione europea – sottolineano in una nota dei promotori dell’iniziativa – considera analoga al razzismo, alla xenofobia, all’antisemitismo e al sessismo l’omolesbobitransfobia che corrisponde quindi a un insieme di sentimenti, pensieri e comportamenti di avversità nei confronti delle persone della comunità LGBTQIA+ che spesso. purtroppo si traduce in atteggiamenti di esclusione, discriminazione e violenza”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Rifiuti da Roma in Abruzzo, parla Di Natale: «Nessun aumento del conferimento nel nostro Comune»

Redazione IMN

Il CAI lancia spedizione sul K2 tutta femminile

Una squadra italo-pakistana per il 70^ della prima ascesa del 1954
Roberta Maiolini

1915: Esterina diede al mondo sua figlia sotto le macerie

Esterina rimase sotto le macerie, dopo la scossa di terremoto del 1915. Era la mattina del 13 ...
Redazione IMN