INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica SLIDE TV

Pronto soccorso Pescara, Pd: “Decisione gravissima”

Appello Paolucci e Blasioli ai vertici della Asl e alla Regione "affinché provvedano immediatamente a risolvere il problema"

Referendum legge elettorale, Paolucci: “Maggioranza allo sbando"

“A memoria d’uomo non ricordiamo che una situazione così, nel più grande ospedale della nostra Regione, sia mai capitata. Riteniamo gravissima la decisione presa ieri dai vertici della Asl di Pescara di sospendere le attività di accettazione al pronto soccorso del Santo Spirito”.

È quanto dichiarano i Consiglieri regionali del PD Silvio Paolucci e Antonio Blasioli alla luce “della decisione dell’Unità di Crisi della ASL di Pescara di bloccare i ricoveri presso il nosocomio pescarese per 48 ore, a causa del grande afflusso di utenti delle ultime ore”.

“Non crediamo che questo “afflusso incredibile” fosse davvero imprevedibile. Il Pronto Soccorso – proseguono i Consiglieri del Pd – infatti, era già in sofferenza in epoca Pre-Covid, poi, con lo scoppio della pandemia, i numeri di accesso sono notevolmente aumentati e questo ha causato una saturazione totale dei reparti e, di conseguenza, il collasso del PS, ma è anche vero che la nostra sanità ha potuto contare su fondi e assunzioni come non mai, a detta dello stesso assessore Nicoletta Verì. Questa situazione, che rappresenta un attacco al diritto alla salute, rischia, inoltre, di peggiorare ulteriormente. Siamo solo agli inizi della stagione invernale, una stagione caratterizzata anche dai virus influenzali, che costringono molti cittadini a chiedere aiuto agli operatori sanitari, quindi il quadro non potrà che aggravarsi nelle prossime settimane. Ma non è tutto”.

“Già il 29 novembre scorso avevamo segnalato ai vertici dell’Asl l’assurda sospensione del Servizio di Continuità Assistenziale (ex Guardia Medica) per mancanza di sanificazione, che ha inevitabilmente trasferito l’utenza presso il Pronto Soccorso. Oggi ci si appella ai cittadini a recarsi all’ospedale “nei casi veramente indispensabili”, ma la carenza strutturale e umana della rete di soccorso territoriale non consente ai pazienti alternative valide al pronto soccorso. Quindi ci appelliamo ai vertici della Asl e alla Regione affinché provvedano immediatamente a risolvere il problema, a permettere i ricoveri e a lavorare su una programmazione regionale che eviti disfatte come questa, mai verificatesi in Abruzzo e soprattutto nel momento in cui Marsilio e Verì vantano di aver investito 47 mln per le assunzioni di personale nella sanità”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Si avvicina il nero e nono anniversario del sisma: lutto cittadino, bandiere a mezz’asta e cantieri fermi

Redazione IMN

LFoundry: il segretario Fim-Cisl in visita

Una "vicinanza" nazionale per i 1500 dipendenti
Redazione IMN

Egitto, Patrick Zaki scarcerato ma non assolto

Lo studente sarà libero fino alla prossima udienza del primo febbraio
Redazione IMN