INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

Raddoppio Pescara-Roma: Chieti chiede interramento per 5 km

Ferrara e Di Clemente, preservare centro urbano Comuni

Il Comune Chieti, nell’ambito del progetto di raddoppio e velocizzazione della Pescara- Roma, vuole l’interramento della ferrovia in un ampio pezzo del proprio territorio, per circa cinque chilometri.

Una posizione emersa in una conferenza stampa congiunta tenuta dai sindaci di Chieti e San Giovanni Teatino, Diego Ferrara e Giorgio Di Clemente.

“Nel caso specifico di Chieti è fondamentale che una tratta che riguarda il centro urbano debba essere interrata – ha spiegato Febo. Parliamo di circa cinque chilometri, da via Tirino, quindi dallo stadio, fino a Madonna delle Piane, dove ci sono funzioni importanti: c’è la parte sportiva dello stadio, c’è nostra la stazione storica, ci sono altre funzioni del centro storico, ci sono l’università e l’ospedale. Noi immaginiamo su questa tratta, che sotto passa la velocizzazione e il collegamento con le altre città, e sopra c’è un collegamento urbano, dolce, pedonale e con le biciclette. Il progetto di Rfi fa semplicemente un raddoppio, cioè una tecnologia di 150 anni fa che viene riproposta oggi ed è improponibile, oltre a creare danni ai cittadini, perché ci saranno sicuramente demolizioni di fabbricati e anche perdite di valore perché aumentando la dimensione, il doppio binario, avremo una doppia funzione: quella di metropolitana di superficie che collegherà Chieti a Teramo, e in più quella che va verso Roma, quindi con un aggravio di costi per i cittadini e nessun vantaggio per collettività”.

Si batte per l’interramento anche San Giovanni Teatino, con il sindaco che lo scorso 22 marzo si era incatenato al passaggio a livello di Sambuceto. “Questo è un progetto irrealizzabile, che non ha le fasi di fattibilità, noi chiediamo un’alternativa di interramento che riguardi più luoghi possibile del nostro territorio, ma come minimo partendo dall’area centrale – ha detto Di Clemente. Poi ben venga tutto, perché oggi se amiamo la vita dobbiamo amare il verde, una pista ciclopedonale che possa dare bellezza e non distruzione. Questo progetto distrugge il paese, distrugge il centro come tutto il territorio: non accetterò mai una linea ferrata in superficie con il raddoppio e con le distruzioni delle realtà locali”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

La buona tavola e il sovrappeso degli italiani

Mangiamo troppo e senza compiere nessuna attività fisica
Redazione IMN

Attacco all’aeroporto di Kabul, sale bilancio vittime

"Almeno 90 morti. Uccisi 13 militari Usa"
Redazione IMN

VIDEO. Ultime fatiche di Promozione, domani l’infrasettimanale prima della sosta

Alice Pagliaroli