INFO MEDIA NEWS
NEWS SLIDE TV Sport

Rugby L’Aquila batte il Messina al Fattori

Ultima partita in casa della stagione

Nell’ultima partita in casa della stagione, la Rugby L’Aquila offre spettacolo e travolge il Messina con un perentorio e rotondo 67 a 7, nel campionato di serie B, girone 4.

Grande festa poi nel terzo tempo, aperto ai sostenitori che hanno gemito gli spalti del Tommaso Fattori, con panini e arrosticini a volontà.

I neroverdi dell’head coach Massimo Di Marco, e del presidente Mauro Scopano, amministratore dell’Aterno gas & power, partono subito forte con una volata irresistibile sulla fascia e meta messa a segno da Di Marco, non trasformata da Pupi.

A seguire la seconda meta, con una grande manovra della linea offensiva e con Simone Alfonsetti che va a schiacciare, e questa volta Pupi trasforma, per il 12 a 0.

Neroverdi dilagano: dopo una mischia dentro i 5 metri, Alfonsetti va a marcare la terza meta, non trasformata da Pupi, ma i neroverdi salgono comunque ad un rassicurante 17 a 0.

La quarta meta arriva con Petrolati, nata ancora una volta dalla superiorità della mischia neroverde, e che vale il punto di bonus in classifica, oltre ai quattro per l’eventuale vittoria. Facile, da posizione centrale, la trasformazione di Pupi per il 24 a 0.

Oramai è un monologo, va a meta Suarez a stretto giro, dopo una ottima percussione del drive. Trasforma Pupi, siamo sul 31 a 0 con cui si chiude la prima parte della gara.

La ripresa inizia con lo stesso spartito: splendido e lunghissimo calcio di D’Antonio, da una parte all’altra del campo, con Suarez che agguanta l’ovale, supera l’unico avversario che ha davanti, e va a schiacciare. Pupi trasforma.

Il Messina prova a sbloccarsi, ma non c’è partita: Simone Petrolati con un bel tocca e gioca buca la difesa avversaria, percorre indisturbato quasi tutta la metà campo avversaria e va a portare in risultato sul 43 a 0. Meta trasformata da Pupi. E poi lo stesso Pupi trova la meta del 50 a 0, che, trasformata dallo stesso, porta il risultato ad un eclatante 52 a 0.
Infine grande azione corale arriva un altra meta, ad opera di Niro, trasformata ancora una volta da Pupi. per il 59 a 0

Il Messina, con una bella azione, e con i neroverdi che questa volta si fanno trovare impreparati, vanno a segnare la meta della bandiera, trasformata, per il 59 a 7.

Ma l’ultima parola è sempre e comunque dei neroverdi: con un bellissimo calcia e gioca, Petrolati scavalca di netto la linea difensiva avversaria, e corre a schiacciare l’ultima meta, trasformata da Pupi, per il definitivo 67 a 7. Applausi scroscianti per lo spettacolo offerto, ancor prima che per il risultato.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Camporotondo: presenti all’inaugurazione degli impianti anche Legnini e Giovagnorio

Veronica Di Giovanni

L’Aquila: verranno realizzati altri 4 posti per l’intensiva

Nonostante le bufere - soprattutto politiche che incombono sulla Asl - si va avanti nella ...
Redazione IMN

Settimana di preghiera per l’Unità dei cristiani

Primo appuntamento martedì 23 gennaio nella Chiesa di San Giovanni ad Avezzano
Giulia Monaco