INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica SLIDE TV

Sport: all’Abruzzo 76milioni per strutture e impianti

È quanto si legge in una nota a firma dei consiglieri regionali Pierpaolo Pietrucci, Silvio Paolucci, Antonio Blasioli, Dino Pepe e Sandro Mariani

Nel prossimo futuro l’Abruzzo potrà contare su 76 milioni di euro da destinare a strutture e impianti sportivi. Prima che qualche “furbo di Pianola” si attribuisca meriti che non ha, è bene ricordare che queste risorse derivano dal PNRR e soprattutto dal Fondo Complementare destinato alle aree del cratere sismico del centro Italia voluto dal Commissario alla Ricostruzione Giovanni Legnini e approvate dal Governo Conte 2. Loro, dunque, che hanno il merito di queste scelte, vanno ringraziati ricordando che, chi attualmente governa, all’epoca votò contro il Pnrr (salvo adesso mettersi qualche coccarda abusiva).

È quanto si legge in una nota a firma dei consiglieri regionali Pierpaolo Pietrucci, Silvio Paolucci, Antonio Blasioli, Dino Pepe e Sandro Mariani.

“L’attività sportiva – proseguono – va rilanciata come benessere individuale fisico e psico-motorio e come fondamentale collante sociale soprattutto nelle aree più periferiche del paese in modo da favorire socialità, inclusione e aggregazione. La pandemia, infatti, ha inferto un colpo terribile impedendo l’attività sportiva e centinaia di associazioni dilettantistiche sono state costrette alla chiusura: se nel 2019 i bambini tra 6 e 10 anni che non praticavano sport erano il 18,5%, questa percentuale è salita al 24,9% nel 2021”.

“Poi ci si è messa pure la guerra a far schizzare alle stelle i costi di gestione degli impianti sportivi. Ciò ha lasciato sguarniti i territori di presidi sociali fondamentali, soprattutto nelle aree montane. All’Abruzzo ora andranno 18 milioni di euro di fondi, più 1,5 milioni di cofinanziamento e altri 56,6 milioni per interventi su percorsi, cammini e impianti sportivi: in totale circa 76 milioni destinati non solo ai 4 capoluoghi e alle principali città ma ai centri dell’intera Regione“.

Al solo Comune dell’Aquila andranno 11.5 milioni con la misura A3.3 del Fondo complementare che inoltre assegna quasi 36 milioni per i centri della provincia aquilana. Naturalmente per i piccoli Comuni delle aree interne dove c’è grande necessità di intervenire bisogna utilizzare bene i fondi disponibili evitando interventi che, con poco utilizzo e senza manutenzione, potrebbero fare una brutta fine”.

“Sarebbe più utile realizzare impianti seri e moderni a servizio di bacini di popolazione più ampi, consorziando fra loro le amministrazioni di un territorio e coinvolgendo ragazzi e utenti delle varie realtà. Servono programmazione, solidarietà, lungimiranza e coordinamento istituzionale. La lungimiranza di Legnini e di chi ha voluto investire preziose risorse nei territori del cratere va sfruttata con intelligenza. Queste risorse sono un’occasione straordinaria per investire sul futuro dei nostri ragazzi, offrire spazi sociali, migliorare la vita di tutti”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Bauli in piazza, Pezzopane: “Governo dia risposte”

Deputata Pd: "Solo in Abruzzo ci sono centinaia di imprese colpite da crisi del settore dei ...
Redazione IMN

Costa: “Verso stop isolamento per i positivi”

"Giorni contati per arrivare a questo provvedimento". Stop dall'ordine dei medici. Esperti divisi. ...
Redazione IMN

Cereali d’alta quota: la scelta di vita di Maurizio Leone

"Ha recuperato terreni e semi degli avi, per fare dei prodotti del territorio un’eccellenza. Ora la ...
Redazione IMN