INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS SLIDE TV

Ucraina: sit-in all’Aquila a un anno dalla guerra

Pacifisti in piazza il 24 febbraio: "Usiamo fondi armi per aree sisma"

Una manifestazione in piazza Regina Margherita è stata indetta venerdì 24 febbraio a un anno esatto dall’inizio della guerra in Ucraina. A organizzare è l’Assemblea L’Aquila per la pace, un’organizzazione spontanea che riunisce più realtà al suo interno.

L’iniziativa, in programma alle 18:30, confluisce nella rete continentale “Europe for Peace“.

“Le guerre e le armi puntano alla vittoria sul nemico ma non portano alla pace – si legge nel messaggio dei promotori – tendono a diventare permanenti ed a causare solo nuove sofferenze per le popolazioni. Non esiste guerra giusta, solo la pace è giusta. La guerra la fanno gli eserciti, la pace la fanno i popoli. Di fronte a un continuo allargamento della guerra e al pericolo di escalation anche nucleare l’assemblea per la pace dell’Aquila aderisce alla mobilitazione di Europe for Peace e chiede alle organizzazioni della società civile, ai gruppi di cittadini, alle amministrazioni di mobilitarsi. Lo si potrà fare aderendo alla manifestazione cittadina o comunque promuovendo nel territorio momenti di pace”.

Tra questi sono indicati presìdi e sit-in di fronte ai Municipi, assemblee, momenti di silenzio e preghiera.

“L’Italia, l’Unione Europea e gli stati membri, gli Usa, le Nazioni Unite – scrivono ancora i promotori – devono assumersi la responsabilità del negoziato per fermare l’escalation e raggiungere l’immediato cessate il fuoco. È urgente lavorare ad una soluzione politica del conflitto, mettendo in campo tutte le risorse e i mezzi della diplomazia al fine di far prevalere il rispetto del diritto internazionale, portando al tavolo del negoziato i rappresentanti dei governi di Kiev e di Mosca, assieme a tutti gli attori necessari per trovare una pace giusta”.

L’assemblea avanza la proposta di destinare i fondi per le spese militari destinate all’Ucraina invasa dalla Russia di Putin alle popolazioni vittime del sisma recente in Turchia e Siria.

“L’Italia, la Costituzione, la società civile ripudiano la guerra – si legge ancora nel manifesto dell’Assemblea -. Insieme esigiamo che le nostre istituzioni assumano questa agenda di pace e operino in ogni sede europea ed internazionale per la sua piena affermazione“.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Tre colpi di pistola contro un’automobile nella notte a Celano

Redazione IMN

VIDEO. L’interporto di Avezzano diventa ufficialmente polo logistico della Protezione Civile nazionale

Kristin Santucci

Monte Siella, recuperata escursionista con elisoccorso

La donna, di Castiglione Messer Raimondo, avendo accusato dolori a un ginocchio, si è trovata ...
Redazione IMN