INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS SLIDE TV

UDU Teramo e L’Aquila: borse di studio non si vedono

"Basta aspettare, il tempo è già scaduto"

“Mentre le lezioni negli atenei abruzzesi ripartono, constatiamo nostro malgrado come le borse di studio per 3387 studentesse e studenti non si vedano ancora, con tutte le conseguenze che ne derivano: difficoltà nel pagamento degli affitti, dei trasporti e nell’acquistare beni di prima necessità.

Si tratta di un’indifferenza nei nostri confronti che assume una gravità perfino maggiore in un periodo elettorale come quello che stiamo vivendo. Siamo davvero stanchi di essere presi in giro da slogan e promesse elettorali. Da troppi anni ormai viviamo una situazione inaccettabile e crediamo che la politica debba finalmente ascoltarci. Nonostante le nostre continue richieste e avvertimenti, ad oggi ancora tutto tace e si pensa esclusivamente alle campagne elettorali, abbandonando studenti e studentesse al proprio destino.
Come Unione degli Universitari Teramo e L’Aquila chiediamo ancora una volta l’immediata copertura totale delle borse di studio, la Regione non può continuare ad ignorarci, ci servono risposte immediate che aiutino concretamente gli studenti e le studentesse a portare avanti al meglio il proprio percorsi di studi. La politica non si lamenti e non venga a farci lezioni paternalistiche sul perché in Abruzzo gli studenti universitari sono in calo, perché le motivazioni le sa già: diritto allo studio inattuato, trasporto pubblico inadeguato e una generale noncuranza delle tematiche universitarie.
Pretendiamo un cambio netto, pretendiamo rispetto e lo pretendiamo ora!”
Così UDU Teramo e UDU L’Aquila

Altre notizie che potrebbero interessarti

Acqua Gran Sasso: interlocuzione con sindaci

“Abbiamo voluto condividere con i Sindaci queste prime fasi di ispezione e monitoraggio"
Redazione IMN

Mercato dell’auto cresce ancora a marzo

Acea: nel trimestre immatricolazioni in aumento del 17,5%
Redazione IMN

2 giugno: Mattarella depone la corona d’alloro all’Altare della Patria

L'omaggio al Milite ignoto con la premier