Spazio Pubblicitario

INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica PRIMA PAGINA SLIDE TV

Val Fino, 17 casi positivi: “Chiudere la zona”

Il capogruppo Lega Quaresimale: “Chiesto a Marsilio di chiudere in uscita tutta la Val Fino, situazione critica”

Val Fino, 17 casi positivi: “Chiudere la zona”

“In videoconferenza dei capigruppo ho avuto modo di chiedere al Presidente Marsilio – scrive in una nota il Capogruppo Lega in Consiglio Regionale Pietro Quaresimale – di adottare nei più brevi tempi possibile un’ordinanza che vada a circoscrivere completamente la Val Fino teramana, ed i comuni di Arsita, Bisenti, Castiglione Messer Raimondo, Montefino e Castilenti”.

”La situazione – spiega il Capogruppo – è diventata ormai critica e rischia di peggiorare se non adottiamo immediatamente misure di sicurezza stringenti. Su una popolazione di circa 7300 abitanti abbiamo già 17 casi positivi e 5 in fase di analisi. Sulla scia delle ordinanze emesse già in altre Regioni e richieste anche da diversi territori abruzzesi, ho chiesto al Presidente Marsilio di chiudere in uscita tutta la Val Fino ed i Comuni interessati dal picco dei contagi. Una misura sofferta e difficile ma che servirà a paralizzare il virus nella sua diffusione”.”Allo stesso tempo – conclude Quaresimale – in molti cittadini mi segnalano che in diverse aziende del territorio i datori di lavoro non hanno ancora provveduto a mettere in sicurezza i lavoratori: preghiamo tutti i sindacati, nella consapevolezza di vivere un momento difficilissimo per tutti i comparti produttivi, di verificare eventuali inadempienze per impedire che i tanti sforzi compiuti dagli abruzzesi durante questa quarantena vengano vanificati da disattenzioni e inadempienze”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Ponte del Giovenco: parlamentari del M5S in marcia di domenica per protesta

Gioia Chiostri

E’ scomparso nella notte Massimiliano Bartolotti: l’imprenditore delle nevi d’Abruzzo

Gioia Chiostri

Internazionali di Tennis città dell’Aquila: escono gli italiani

Presenze record al Beppe verna
Redazione IMN