Spazio Pubblicitario

INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

Zafferano: Abruzzo contro Milan

Sindaco Navelli: "No uso 'Made in Italy' per lavorazioni estere"

“Serve più tutela della nostra immagine.

Politica e istituzioni si muovano per fermare un accordo che rischia di fiaccare la qualità del Made in Italy e dello zafferano”.

L’affondo è di Paolo Federico, sindaco di Navelli (L’Aquila), in riferimento al recente accordo di partnership tra l’A.C. Milan e la Oro Rosso Milano, nuovo marchio italiano produttore di zafferano pronto a lanciare il proprio brand. Parte della lavorazione dei bulbi, come dichiarato nella nota che presenta la parnership, è portata avanti in Uzbekistan.
   
“In Italia abbiamo tutte le abilità per lavorare lo zafferano – incalza Federico -. Non è necessario ricorrere alle comunità dell’Uzbekistan”. “Certo, nel commercio ognuno è libero di fare come meglio crede – aggiunge – ma di sicuro non occorre essere esperti di marketing per capire che il prestigio e la visibilità di una società come il Milan meglio si sposerebbe con la tradizione italiana e soprattutto con il profondo legame che lega il capoluogo lombardo con l’Abruzzo in termini di nascita del risotto alla zafferano”.
   
Il riferimento è alla storia della nascita del tipico piatto milanese che sembrerebbe derivare dall’intervento di un abruzzese. “Inoltre, si parla tanto del Made in Italy e poi si procede per far lavorare il prodotto in un altro Paese. A questo punto sono convinto che sia sempre più necessario l’intervento delle altre sfere politiche, sindacati in quanto si sta creando un vero e proprio danno all’intera trafila dello zafferano. In particolare, qualcuno deve spiegarci come sia possibile prendere gli steli nati da bulbi italiani e lavorarli a qualche migliaio di chilometri di distanza, quando tutti sanno che il prodotto deve essere raccolto e subito lavorato altrimenti si deteriora”.
   
“Questo – continua – senza dimenticare il lungo lavoro fatto per ottenere la Dop assegnata a 13 comuni dell’Aquilano e agli enormi sforzi per mantenere la tradizione acquisita nei secoli per la preziosa spezia”. “Insomma – conclude – si parla tanto di tutela del Made in Italy, ma si rischia di trasformare lo zafferano in qualcosa di molto simile ai famigerati parmesan, buffalo mozzarella o pommarol”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Oggi parte la campagna vaccinale Over 80 a Guardiagrele

Tra qualche giorno l'apertura del centro vaccinale. La Asl ha individuato proprio l’ospedale di ...
Redazione IMN

Agricoltura: proroga a permessi di soggiorno. Piacente (Pd): “Soddisfatti”

Piacente: “Senza proroga avremmo scontato grave carenza di forza lavoro”
Redazione IMN

Sulmona, nigeriano 24enne ferito alla schiena dopo una colluttazione: arrestato un connazionale

Redazione IMN