INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS SLIDE TV

Appello a Draghi: impugnare la legge sul Parco Sirente

Oltre 100 tra ambientalisti e professionisti hanno firmato l'appello indirizzato al Premier Draghi. "Il Parco Sirente-Velino è un corridoio ecologico per l'orso bruno marsicano. Sarebbe stato fortemente auspicabile che la Regione Abruzzo avesse provveduto ad ampliare il proprio, unico, Parco Regionale".

Un gruppo di oltre cento persone, tra ambientalisti, professionisti, naturalisti, biologi e docenti universitari, sottoscrive un appello per chiedere l’impugnazione della legge regionale della Regione Abruzzo numero 14 del 8 giugno 2021 “Nuova disciplina del Parco naturale regionale Sirente Velino e revisione dei confini. Modifiche alla l.r. 42/2011″,
pubblicata sul Bura lo scorso 9 giugno e in vigore dal giorno seguente.

Il documento in questione è stato inviato al presidente del Consiglio dei ministri, Mario Draghi, e al ministro per la Transizione ecologica, Roberto Cingolani.

Il Parco Regionale Sirente-Velino – si legge nella nota – costituisce fondamentale area di espansione e corridoio ecologico per l’orso bruno marsicano (Ursus arctos marsicanus), probabilmente la specie animale più rara, importante, iconica e significativa della fauna italiana“. Questo si legge sull’Ansa.

Nel documento viene poi ricordata la sottoscrizione del Piano di Azione nazionale per la Tutela dell’Orso Marsicano (Patom).

“Sarebbe stato fortemente auspicabile che la Regione Abruzzo provvedesse ad ampliare il proprio, unico, Parco Regionale – dicono -fino a raccordarlo territorialmente col Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, core-area della distribuzione dell’orso marsicano, al fine di renderne più sicuri e meno soggetti a rischio gli spostamenti fisiologici legati alla biologia della specie. Già in passato, la Commissione Europea richiese misure di protezione sito-specifiche, per la quale nei confronti dell’Italia, non avendole individuate per tempo, venne avviata una procedura d’infrazione comunitaria che per la Regione Abruzzo è stata evitata in extremis solo grazie alla recente adozione delle citate misure minime di salvaguardia”.

“Viceversa, la Legge Regionale numero 14 del 8 giugno 2021 – osservano – riduce la superficie del Parco Regionale di oltre 6 mila ettari, esponendo così a rischi sempre più alti la naturale mobilità degli esemplari pionieri della specie”.

Da qui la richiesta di impugnazione: “consapevoli e sostenitori dell’impegno e dell’attenzione che il Governo sta dedicando alla problematica dei ripristini ecologici e della tutela ambienta”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Nuovo codice appalti: Marsilio alla tavola rotonda

Il presidente della Regione: "Procedure più veloci e sicure"
Redazione IMN

A24, chiusure tra L’Aquila Ovest e Tornimparte

Chiusura per lavori di manutenzione
Redazione IMN

La variante Delta spaventa: “Intanto usate le mascherine”

Per gli esperti: "E' importante partire per le ferie e le vacanze con la seconda dose di vaccino ...
Redazione IMN