INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica SLIDE TV

Asl1, Paolo Romano: “Fallimento del manager”

"È solo grazie al lavoro dei dipendenti e di tutti gli operatori sanitari, gli stessi appena usciti dalle criticità lavorative del periodo Covid, che si è scongiurato il dissesto dei servizi"

“Dopo il ciclone dei disservizi sulla salute del cittadino causato dall’hackeraggio dei sistemi informatici della ASL1, è stato quasi meglio dover sopportare il silenzio ostinatamente perpetrato dal Manager Ferdinando Romano che la protervia con la quale da pochi giorni risponde agli interventi politici sulla questione, anche quando si tratta della parte che lo ha nominato e che finora ne ha sopportato anche le intemperanze caratteriali. Un nervosismo che tradisce la paura di una resa dei conti dentro la maggioranza di centrodestra”.

Così in una nota Paolo Romano, capogruppo L’Aquila Nuova.

“Forse, ad adiuvandum, sarebbe utile ricordare che il problema dell’hackeraggio è un fallimento amministrativo del management della Asl che è scelto dalla politica: l’uno e l’altra devono interrogarsi sulla strada più dignitosa da perseguire per risolvere la situazione”, prosegue.

“Non ci si può più nascondere dietro le casistiche di attacchi hacker su base nazionale, né dietro il riserbo della doverosa inchiesta in corso, così come, per decenza, non ci si può nascondere dietro una comunicazione fintamente positiva che la ASL sta cercando di mettere in atto con tutte le sue forze nelle ultime ore. Che i servizi non abbiano funzionato e non funzionino tuttora viene certificato dalla reazione del cittadino nei vari ambulatori e al Cup: non lo dice la politica, lo racconta perfettamente la realtà di tutti i giorni. È solo grazie al lavoro dei dipendenti e di tutti gli operatori sanitari, gli stessi appena usciti dalle criticità lavorative del periodo Covid, che si è scongiurato il dissesto dei servizi”.

“Sarebbe doveroso allora chiedersi se la mancata graduazione delle posizioni dirigenziali ASL per incarichi di direzione di struttura, decisione chiaramente in capo al Manager, sia stata presa per contenere le spese o per avere sempre un grimaldello nei confronti dei dipendenti. In entrambi i casi a rimetterci sono solo i cittadini”.

“Non conferire incarichi di direzione di struttura abdica alle responsabilità ma soprattutto indebolisce i settori; è ancora oggi sotto gli occhi di tutti la debolezza di quello informatico, la cui posizione dirigenziale è vacante dal 2021”, conclude.

Altre notizie che potrebbero interessarti

VIDEO. A fuoco all’alba un bar storico di San Benedetto dei Marsi: brusco risveglio per un’intera comunità

Gioia Chiostri

Alla guida senza patente e in stato di alterazione

Una 46enne di Pettorano sul Gizio è stata denunciata e sanzionata
Redazione IMN

Arresti nella Marsica: due condanne in via definitiva

Differenti misure detentive nei confronti di due persone residenti nella Marsica
Redazione IMN