INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS

Cadavere in sacco a pelo, uno dei figli respinge accuse

Legali: "Non aveva rapporti da anni. Chiesta estumulazione salma"

“Il nostro cliente è estraneo a qualsiasi condotta riprovevole”.

È questo il contenuto sommario della nota diffusa dagli avvocati di Benito Del Negro, accusato di soppressione di cadavere del padre Bruno, 81 anni, originario di Trani, e di aver intascato nell’ultimo periodo i contributi pensionistici dello stesso insieme agli altri due fratelli e alla compagna di uno dei due.

Gli avvocati difensori Giancarlo Falco e Maurizio Sasso hanno inoltre specificato che il loro assistito da anni non aveva più contatti col padre a causa di “radicali divergenze familiari che l’hanno costretto ad allontanarsi dal nucleo familiare di origine”.

Il cadavere di Bruno Del Negro era stato ritrovato in un sacco a pelo a Castrovalva, frazione del comune di Anversa degli Abruzzi, l’estate scorsa. L’81enne è morto per cause naturali e, secondo gli inquirenti, i figli avrebbero percorso oltre 350 km in auto e occultato il cadavere per intascare la pensione, circa tremila euro al mese.

Sulla vicenda indaga la Procura di Sulmona che contesta ai tre figli dell’anziano e alla nuora la soppressione di cadavere, la truffa aggravata ai danni dell’Inps e l’indebito utilizzo di carta di credito. Intanto il figlio Benito è pronto a chiedere l’estumulazione della salma dal cimitero di Anversa degli Abruzzi per provvedere alla sepoltura nel paese di origine.

Altre notizie che potrebbero interessarti

L’Abruzzo alla Mostra del Cinema di Venezia col film “Ferrari”

In attesa che la Film Commission diventi realtà, le scene girate in Abruzzo nel mese di ottobre ...
Redazione IMN

Tribunali “salvi” fino al 1 gennaio 2025, sì alla proroga

Approvato ieri, in serata, l'emendamento al Milleproroghe proposto dai senatori di Fratelli ...
Redazione IMN

Arrestato 35enne sulmonese pluripregiudicato e sorvegliato speciale

Gioia Chiostri