INFO MEDIA NEWS
Cultura NEWS SLIDE TV

Convegno: “Accogliere è già curare”

Ad aprire l’incontro la riflessione del Vescovo Giovanni Massaro

COMUNICATO STAMPA
Accogliere è già curare è il convegno tenutosi sabato 28 ottobre, nella sala Irti di Avezzano. L’incontro pubblico è stato organizzato e promosso dalla sezione diocesana dei Medici Cattolici, dalla Caritas, dal Servizio Migrantes e dal Centro Missionario, come occasione di formazione degli operatori sociali e socio-pastorali sul tema delle migrazioni e dell’accoglienza, intesa innanzitutto come riconoscimento dei diritti universali della persona pur nella specificità della condizione di migrante, di richiedente protezione internazionale, di rifugiato o di lavoratore straniero.
Ad aprire l’incontro, la riflessione del Vescovo Giovanni Massaro, che ha sollecitato i presenti a destrutturare il pregiudizio nei confronti delle persone immigrate come problemi sia per l’identità personale e culturale, sia per l’ambito sicuritario. Sono seguiti gli interventi di Giulia Civitelli dell’Area sanitaria della Caritas di Roma, esperta in salute globale come contrasto alle disuguaglianze e don Mattia Ferrari, cappellano della ong Mediterranea Saving Humans.
Nella seconda parte della mattina, sono stati presentati sistemi e buone prassi di relazione, accompagnamento e cura. A confrontarsi sul “saper fare” Michela D’Angelo, del Gruppo Immigrazione e Salute Abruzzo – Molise, Maria Cristina Carmignani, del dipartimento Medicina e Prevenzione della Asl 1 Abruzzo, e Massimo De Santis, psicoterapeuta collaboratore della Caritas diocesana.
Nell’incontro è stato il prossimo corso di formazione con i quali i servizi pastorali diocesani intendono supportare volontari e operatori sociali nella sperimentazione di strategie, modalità e stili attraverso cui costruire una comunità accogliente e solidale. Consapevoli che è la conoscenza la prima piattaforma cognitiva attraverso la quale comprendere meglio l’altro per una migliore relazione di supporto e di prossimità.
Il convegno è stata un momento di confronto per stimolare il pensiero critico e una coscienza vigile per adeguare istituzioni, comunicazione, mentalità alla cosmopolizzazione del mondo. Perché accogliere significa certamente favorire la rimozione degli ostacoli economico-sociali, ma soprattutto promuovere un’eguaglianza sostanziale e facilitare il confronto in spazi proficui di valorizzazione dell’unicità di cui ciascuno è portatore.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Terzo Settore: Quaresimale, istituito il registro regionale

Approvato rafforzamento dell'assistenza tecnica per le attività di innovazione del PSR
Redazione IMN

San Benedetto dei Marsi, al “Profeta” arriva l’erba sintetica

L'annuncio dell'assessore Cerasani
Redazione IMN

Rintracciato un suv Jaguar rubato: il ladro scappa e fa perdere le sue tracce

L'auto è stata rintracciata lungo la A14 all'altezza del casello Vasto Nord
Redazione IMN