INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica SLIDE TV

Oblio oncologico, “Non si condanni chi ha combattuto”

L'europarlamentare è la prima firmataria dell'interrogazione presentata in Commissione Europea. L'Italia sta lavorando ad una legge sull'oblio oncologico.

“La malattia oncologica non può essere una condanna ed è giusto che anche l’Europa si impegni affinché gli ex malati oncologici non vengano discriminati nell’accesso ai mutui e agli strumenti finanziari, indipendentemente da quale sia il loro Stato di residenza. Per questo nella mia interrogazione alla Commissione ho chiesto quali iniziative concrete abbia intenzione di adottare per rendere il “diritto all’oblio” per i malati oncologici un diritto fondamentale per tutti i cittadini europei”, così scrive in una nota l’Europarlamentare Elisabetta De Blasis, prima firmataria dell’interrogazione presentata alla Commissione Europea.

“Seppur alcuni Stati europei abbiano già una legislazione in merito e l’Italia stia lavorando su una legge all’“oblio oncologico” che includerà anche i contratti di lavoro e le adozioni, in Europa il panorama è molto diverso da Stato a Stato e rischia di discriminare coloro che hanno già dovuto combattere una battaglia contro delle neoplasie”, questa la conclusione dell’europarlamentare.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Individuato luogo di spaccio: un arresto e una denuncia

Si tratta di giovani di origine albanese, senza alcuna occupazione lavorativa
Redazione IMN

“Carovana dei diritti” Cgil, prima tappa a Sulmona

Marrelli: "Praticare un nuovo modello di azione sindacale che si richiama alla formula di ...
Redazione IMN

Emendamento Crua: scontro Pd-Imprudente

Pd "bocciato emendamento, altro schiaffo al territorio"; Imprudente risponde "Dopo indifferenza ...
Redazione IMN