INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS SLIDE TV

L’Aquila: condannati Ministeri vittime greche sisma

Richiesto maxi risarcimento per la famiglia delle vittime

Terremoto l'Aquila

Un maxi risarcimento alla famiglia di nazionalità greca per i danni legati alla morte nel terremoto dell’Aquila del 2009 del giovane figlio universitario, per le lesioni dell’altra figlia salva per miracolo ma anche per la depressione e lo stato di prostrazione permanente di madre, padre e della stessa figlia: il Tribunale civile dell’Aquila – come riporta l’Ansa – ha condannato il Ministero dell’Interno e il Ministero per le Infrastrutture ed i Trasporti a risarcire oltre 1,9 milioni di euro ai familiari per la scomparsa di Vasileios Koyfolias in un palazzo di via Campo di Fossa crollato totalmente nel terremoto dell’Aquila del 2009, e per le lesioni di sua sorella Dionysia uscita miracolosamente viva dopo essere rimasta sotto le macerie con suo fratello.

Nella sentenza del giudice Ciro Riviezzo, risalente ai mesi scorsi, oltre alle responsabilità nella costruzione della struttura ad enti pubblici, riconducibili ai due Ministeri, è stato sancito l’elemento ripreso in pronunciamenti successivi, della depressione e dello stress attraverso il riconoscimento del danno biologico e della invalidità permanente.

Lo stabile di via Campo di Fossa è stato al centro di una sentenza choc del giudice Monica Croci che ha stabilito il concorso di colpa del 30% a tre vittime del sisma. Il risarcimento, al termine del processo civile di primo grado nel quale la famiglia è stata rappresentata dall’avvocato Isidoro Isidori, del foro dell’Aquila, è stato attribuito, in due filoni separati, ai coniugi Georgios Koufolia e Anna Koufolias, e alla figlia Dionysia.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Genio Civile regionale, risoluzione Di Benedetto è legge

"Esattamente a distanza di un anno dall’approvazione in Commissione Territorio, la mia risoluzione ...
Redazione IMN

Altro addio nella Lega Abruzzo: lascia Febbraro

L'addio: “La Lega in provincia di Teramo continua la sua corsa verso il precipizio"
Redazione IMN

Panchine Rosse ad Oricola: ognuna ha inciso il numero antiviolenza

Il 25 novembre sarà la Giornata Internazionale contro la Violenza sulle donne. Questa l'iniziativa ...
Redazione IMN